Tensioni fra NoTav e polizia a Chiomonte per l’arrivo di Salvini La neve non ferma alcune decine di manifestanti

L'aggressione dei NoTav

CHIOMONTE – Stamattina a Chiomonte si sono verificati momenti di tensione tra polizia e manifestanti NoTav, in attesa dell’arrivo del ministro dell’Interno Matteo Salvini. In visita al cantiere della Torino-Lione. Alcune decine di manifestanti si sono radunate nei pressi della centrale, nonostante la nevicata in corso. Gli esponenti del movimento che si oppone alla realizzazione della nuova ferrovia ad Alta Velocità hanno detto “Accogliamo Salvini alla moda nostra e vogliamo spiegargli che i dati sui costi non sono corretti e che il Tav da qui non passerà mai“. La Polizia presente all’arrivo di Salvini sul posto in assetto antisommossa ha reagito ad alcune provocazioni dei NoTav con qualche manganellata.

SALVINI

Il vicepremier Matteo Salvini ha fatto visita stamattina nel cantiere della Tav a Chiomonte. Ufficialmente per ringraziare le forze dell’ordine impegnate da anni a garantire la sicurezza. Ma non ha evitato di esprimere la sua opinione sulla necessità di concludere l’opera. “In un momento di crisi economica rinunciare a 50 mila posti di lavoro e mettere a rischio la vita di tante aziende mi sembra assolutamente poco sensato. Continueremo a fare quello che abbiamo sempre fatto. Con testardaggine a guardare i numeri, basta che siano oggettivi e non siano numeri che vengono giù dalle montagne. Se il treno va dritto va più veloce e consuma meno. Se invece va su e giù e fa le curve ci mette più tempo e consuma di più. Non occorre uno scienziato per intuirlo. Però sono contento che gli italiani grazie alle telecamere e alle macchine fotografiche dei giornalisti possono vedere che il tunnel c’è. E che non stiamo parlando di un campo di grano“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!