Crea sito

Il concerto della rassegna “Le Stelle delle Valli” a Valgioie Venerdì 12 luglio, alle 21.30, in frazione Trucetti

concerto

VALGIOIE – Dopo il grandissimo successo dell’orchestra del Conservatorio di Cuneo alla Sacra di San Michele, per il primo concerto della rassegna “Le Stelle delle Valli”, venerdì 12 luglio, alle 21.30 ci sarà il secondo appuntamento. La data da segnare in agenda è venerdì 12 luglio, alle 21.30, con il ritorno alla terrazza panoramica dei Trucetti, località Valgioiese. Sul palco de “Le Stelle delle Valli” la “Violetta” da La Traviata di Giuseppe Verdi. In scena: Martina Paciotti (Violetta), Luca Lombardo (Alfredo), Marco Moncloa (Giorgio), Giulia Manfredini e Benedetta Fabbri (violini), Federica Tirelli (viola), Lucia Sacerdoni (violoncello), Irene Silano (flauto), Chiara Leto (clarinetto); per la regia di Emilio Marcucci e la direzione artistica di Gioachino Scomegna.

LA TRAMA

Per il secondo concerto della rassegna “Le Stelle delle Valli” Violetta Valery è una giovane cortigiana parigina, dedita al lusso e ai piaceri; il suo protettore, il barone Douphol, non le fa mancare nulla. La vita che conduce, però, non giova alla sua salute; è infatti ammalata di tisi. Una sera, per dimenticare la malattia che la affligge, invita i suoi amici a cena. È in quest’occasione che Gastone le presenta il suo amico Alfredo Germont, un giovane di buona famiglia che si è innamorato di lei. Dopo aver brindato allegramente, la compagnia si trasferisce nella sala da ballo. Violetta ha un mancamento e si attarda qualche secondo; Alfredo le raccomanda di badare di più alla sua salute, e le confessa di amarla da quando lei gli è apparsa.

VIOLETTA

Violetta è sorpresa, dubita di poter corrispondere a questo sentimento; tuttavia non nega la sua amicizia al giovane; gli dona una camelia e gli dice di presentarsi da lei il giorno dopo, quando il fiore sarà appassito. Alfredo se ne va felice. Quando finisce la festa e Violetta rimane sola, ripensa alle parole di Alfredo e si chiede se anche per lei esista la possibilità di innamorarsi e cambiare vita; ma si risponde di no: tutto quello che può fare è vivere e dedicarsi al piacere. Tuttavia la voce dell’amore rieccheggia nei suoi pensieri, anche se lei la vuole respingere.