Rivoli: anche il ministro Fioramonti alla marcia per ricordare Vito Scaffidi Tragaioli: "La didattica con assoluta sicurezza deve essere un nostro obiettivo"

ministro(foto quotidiano.net)

RIVOLI – Si è svolta oggi a Rivoli la marcia per ricordare la morte, in aula, di Vito Scaffidi con la presenza del Ministro all’Istruzione. Organizzata per la IV Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle Scuole ecco una marcia in ricordo delle vittime dell’edilizia scolastica. Presenti all’incontro il Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, il presidente della Città Metropolitana Chiara Appendino e il sindaco di Rivoli Andrea Tragioli.

Il Ministro ha poi dato il via ai lavori dell’Osservatorio per la sicurezza scolastica nelle aule del Liceo rivolese. Questo organismo si occupa di mappare la situazione delle scuole e supportare gli enti locali nell’individuazione e nella realizzazione degli interventi necessari. Il sindaco Tragaioli ha detto a margine della mattinata. “Essere qui oggi vuol dire assumersi l’impegno perchè eventi così non accadano più. La didattica con assoluta sicurezza deve essere un nostro obiettivo. Su queste cose non si può mai abbassare la guardia ma essere sempre attenti“.

LA SICUREZZA A SCUOLA

Parliamo di sicurezza a scuola. Che cos’è il documento di valutazione rischi? Il documento di valutazione dei rischi deve essere predisposto in ogni istituto scolastico ad opera del Dirigente scolastico. In collaborazione con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e con il Medico competente. Che cos’è un piano di emergenza delle scuole e chi lo deve predisporre? Il piano di emergenza è contenuto nel documento di valutazione dei rischi ed è uno strumento operativo che deve essere predisposto in ogni scuola ad opera del Dirigente Scolastico.

E’ obbligatorio e ha lo scopo di informare tutto il personale docente e non docente e gli studenti, sul comportamento da tenere nel caso di un allontanamento rapido dall’edificio scolastico. E’ importante effettuare con cadenza periodica le prove di evacuazione dell’edificio, per verificare continuamente l’apprendimento dei comportamenti in caso di emergenza. Al termine dell’esercitazione è utile analizzare in classe i comportamenti tenuti in modo da correggere gli eventuali errori commessi durante la prova.

Di chi è la competenza in materia di manutenzione e messa in sicurezza delle scuole? La competenza degli interventi di manutenzione straordinaria ed ordinaria in materia di edilizia scolastica è dell’ente locale, proprietario degli immobili. Costituiscono precisi obblighi di legge per i Comuni e per le Province non solo i lavori edilizi di una certa importanza, gli interventi strutturali e gli adeguamenti degli impianti elettrici, termici, ecc. ma anche la manutenzione ordinaria, nonché la fornitura delle varie certificazioni di idoneità, agibilità e conformità. Se vi sono ritardi, carenze, inadempienze nello stato degli edifici scolastici e delle strutture la responsabilità primaria è dell’ente locale, così come spetta all’amministrazione locale mettere a norma di sicurezza gli edifici.