Vivere la montagna in alta Valsusa: molte attività per residenti, proprietari di seconde case e sportivi Gli spostamenti sono consentiti in molti comuni dell'alta Valsusa in quanto sotto i 5000 abitanti

Cavallo neve

Le baite

OULX – Vivere la montagna in alta Valsusa: molte attività per residenti, proprietari di seconde case e sportivi. In un inverno ricco di neve, in cui purtroppo gli impianti sciistici sono chiusi a causa dell’emergenza sanitaria in corso, sono comunque molte le attività che si possono praticare sulle montagne dell’alta Valsusa. Il territorio fortunatamente ospita realtà che hanno dato vita a nuove proposte per vivere la montagna a 360°. Pensiamo a The Husky Experience che a Sestriere pratica lo sleddog e organizza escursioni per adulti, ragazzi e bambini. Oppure all’Associazione ASD Alvorada che a Oulx che permette di vivere giornate dedicate allo skijoring, in cui una persona con gli sci viene tirata da un cavallo. O semplicemente una sana e rigenerante passeggiata a cavallo nella neve. Senza dimenticare le iniziative promosse dagli Uffici Turistici dei vari comuni.

CI SI PUÒ SPOSTARE NEI COMUNI SOTTO I 5000 ABITANTI

Un modo nuovo dunque di vivere la montagna che non è riservato solo agli abitanti dell’alta Valsusa, ma anche ai proprietari di seconde case. Infatti è permesso raggiungere queste ultime anche da fuori regione, ad eccezione che si affitti un immobile solo per brevi periodi. Inoltre ricordiamo che ci si può spostare nei comuni sotto i 5000 abitanti e che in particolare i comuni dell’Alta Valsusa rientrano fra questi. Purché ci si sposti nel raggio di 30 km e non verso i capoluoghi di provincia. Oltre alle attività di svago è dunque possibile raggiungere anche grandi centri commerciali come l’Iper Le Baite di Oulx che offre un’ampia offerta di negozi, non solo di alimentari ma anche sportivi, un supermercato conveniente e di qualità, nonché servizi utili e unici in zona.

ZONA ARANCIONE: SI PUÒ ANDARE A FARE SPORT IN MONTAGNA?

Gli spostamenti per fare attività sportiva sono consentiti in zona arancione. In particolare per chi vive nei comuni montani sotto i 5000 abitanti non ci sono divieti all’attività sportiva in montagna. Per chi viene invece dai comuni con popolazione superiore ai 5000 abitanti si è in attesa di chiarimenti da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri. Sono stati chiesti dalla Presidenza generale del Club Alpino Italiano. Nel frattempo valgono le regole applicate fino ad oggi per la zona arancione. Attività sportive come trekking, escursionismo, alpinismo e le pratiche escursionistiche in ambiente innevato aperto e non attrezzato rientrano tra quelle consentite. Purché esercitate in forma individuale e rispettando almeno due metri di distanza tra i partecipanti. Se non possono essere svolte nel proprio Comune, lo spostamento all’interno della propria regione è da considerarsi possibile. Facendo però rientro immediato alla propria residenza al termine dell’attività. I ciclisti possono uscire dal proprio comune, ma tale spostamento deve essere funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione deve coincidere con il comune di partenza.

LE GUIDE ALPINE VALSUSA

Le Guide Alpine Valsusa organizzano gite semplici con dislivelli moderati o per chi già pratica sci alpinismo o per principianti, e ancora facili escursioni adatte ad un primo approccio e alle famiglie. Un’occasione unica per camminare sulle tracce degli animali, giocare sulla neve, anche sotto le stelle. Muovendosi fra boschi e radure, borgate e piccole chiese antiche di cui è ricco il patrimonio storico e artistico della valle. Le ciaspole sono un buon attrezzo per muoversi sulla neve che permette anche di effettuare vere e proprie escursioni che abbiano una vetta o un colle come destinazione. Ampia è l’offerta proposta dalle Guide Alpine locali di nuovi itinerari battuti dedicati agli amanti delle ciaspole.

A BARDONECCHIA E SESTRIERE

Alcuni comuni poi hanno ideato dei percorsi per le ciaspole e lo sci alpinismo, come ad esempio Bardonecchia. Sono infatti a disposizione di tutti gli appassionati due tracciati per la risalita, uno sul versante dello Jafferau e uno a Melezet. A Sestriere una vasta rete di percorsi per le ciaspole, accompagnati da Guide Alpine oppure in solitario, è a disposizione di chi ama passeggiare con le racchette ai piedi. Il Centro Sci di Fondo in zona Monterotta offre percorsi di libero accesso che attraversano un’area incontaminata di Sestriere: un autentico balcone sulle alpi con un panorama mozzafiato. Gli appassionati di pattinaggio hanno a disposizione la grande pista dello Stadio del Ghiaccio Nasi, in zona piazzale Kandahar, con possibilità di pattinare liberamente o con un istruttore qualificato. E poi ancora escursioni in motoslitta oppure in sella a fat ed e-bike con ruote chiodate da neve e ghiaccio.

A SAUZE D’OULX

Anche a Sauze d’Oulx è possibile ciaspolare in sicurezza grazie a una rete di percorsi molto ricca e variegata. Sono racchiusi in una cartina dedicata realizzata da Turismo Torino e Provincia in distribuzione presso l’Ufficio del Turismo. Oltre a un pannello dedicato su cui sono evidenziati i percorsi e le aree dove sono ricorrenti le valanghe con indice di intensità. Inoltre un Qrcode collegato al bollettino valanghe permette di avere la situazione aggiornata in tempo reale. Il tutto finalizzato a fruire del nostro splendido paesaggio in piena sicurezza.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!