Crea sito

Intervento del Soccorso Alpino a Coazze, uomo con malore Alpeggio Sellery Superiore Due squadre del Soccorso Alpino Valsangone sono giunte sul posto

Elicottero del 118

COAZZE – Intervento del Soccorso Alpino a Coazze, uomo con malore Alpeggio Sellery Superiore in Valsangone. Alle 14,30 di oggi la stazione Valsangone del Soccorso Alpino è intervenuta presso l’Alpeggio Sellery Superiore. A quota 1750 metri, nel comune di Coazze. Quindi un uomo di 63 anni è stato colto da malore ed ha perso conoscenza. Un medico presente sul posto lo ha soccorso ed è stata allertata la centrale operativa del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. A causa della nebbia in quota è stato necessario inviare del personale da terra per verificare le condizioni dell’uomo. Quindi la possibilità di intervento da parte dell’eliambulanza. Dunque due squadre del Soccorso Alpino  Valsangone sono giunte all’alpeggio con i fuoristrada, hanno trasportato l’uomo più a valle, nei pressi del forte san Moritio. Quindi  in assenza di nebbia è potuto atterrare l’elicottero del 118. Poi il paziente è stato trasportato all’ospedale di Rivoli per accertamenti.

IL NUMERO  112

Per l’uomo con il malore all’Alpeggio Valsangone è stato necessario fare il numero unico di emergenza 112, NUE, è il numero di telefono per contattare i servizi di emergenza nell’Unione Europea, in particolare è attivo anche in Valsusa e Val Sangone. Permette di contattare Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco e Emergenza Sanitaria ed è stato istituito per rendere più tempestivo il sistema delle emergenze. Il numero unico di emergenza è gratuito, multilingue, contattabile via telefono, fisso e cellulare, 24 ore su 24 e permette la localizzazione immediata degli utenti che chiamano. Chi chiama, per segnalare situazioni di emergenza e richiedere il pronto intervento, deve indicare nome, indirizzo e numero di telefono, oltre al luogo dove è necessario l’intervento. Gli operatori, accuratamente formati, contattano immediatamente la sala operativa competente a risolvere l’emergenza.