Un “Bonus Mercati” di 1500 euro agli ambulanti che non hanno lavorato All'interno di "Riparti Piemonte", il piano da oltre 800 milioni della Regione Piemonte

MercatoMercato

TORINO – Un “Bonus Mercati” di 1500 euro agli ambulanti che non hanno lavorato. Il presidente della Regione Piemonte Cirio e l’assessore al Commercio Poggio ieri hanno commentato: “Questo è il secondo passo, la prossima settimana ulteriore misura per le altre categorie del commercio in sede fissa colpite dal lockdown”. Anche gli operatori ambulanti dei mercati del Piemonte riceveranno il bonus a fondo perduto predisposto dalla Regione. Un bonus per sostenere le attività colpite dal lockdown per l’emergenza Coronavirus. Lo comunicano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e Vittoria Poggio – Assessore Regionale al commercio, al termine delle giornate di incontri con i rappresentanti della categoria, a cui ha preso parte anche l’assessore alla Semplificazione Maurizio Marrone .

I BONUS

  • Bonus di 1500 euro per tutti gli ambulanti non alimentari che hanno dovuto sospendere interamente l’attività, bloccata dai provvedimenti del Governo per le misure di contenimento.
  • Bonus di 500 euro, invece, per gli ambulanti alimentari che, pur potendo proseguire l’attività, hanno lavorato solo parzialmente a causa delle maggiori restrizioni da parte dei singoli Comuni che hanno portato alla chiusura di numerosi mercati.

GLI AMBULANTI

A beneficiare del Bonus Mercati, per un valore complessivo di 13 milioni di euro, saranno circa 10 mila ambulanti del Piemonte, 7 mila non alimentari e 3 mila alimentari. Il Bonus Piemonte, rivolto anche ad altre categorie del commercio e dell’artigianato particolarmente danneggiate dall’emergenza Covid, è uno dei pilastri di RipartiPiemonte. Il Piano da oltre 800 milioni di euro con cui la Regione sosterrà la ripartenza di imprese e famiglie nella Fase 2. “Gli ambulanti sono il secondo passo del Bonus Piemonte – spiegano il presidente Cirio e l’assessore Poggio – . La prossima settimana incontreremo le altre categorie del commercio in sede fissa. Perché estenderemo il più possibile il bonus a tutti coloro che sono stati colpiti duramente da oltre due mesi di inattività”. Immediata e semplice anche la procedura per accedere al bonus. Tutti gli interessati riceveranno da Finpiemonte SpA una comunicazione via pec. Per indicare il conto corrente su cui ricevere il contributo a fondo perduto, che verrà accreditato nell’arco di qualche giorno.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!