Ti ricordi la strada per il Sestriere? Mostra fotografica dall’archivio dell’Anas In occasione dell'Audi FIS World Cup del 10 e 11 dicembre

SESTRIERE – In occasione del ritorno della Coppa del Mondo di Sci Alpino e a dieci anni dai giochi di Torino 2006 Casa Olimpia torna ad animarsi con mostre e confronti. Nell’ex casa cantoniera quattro giorni di eventi a cura del GIS, lo sci club dei giornalisti italiani, associazione, di cui è presidente il giornalista Rai Francesco Marino, impegnata in circa 80 anni di storia nella promozione dei valori non solo sportivi della montagna. Giovedì 8 dicembre ore 16 inaugurazione delle mostre, visitabili fino all’11 dicembre. “LE STRADE DEL SESTRIERE”: Sestriere e le sue montagne nelle immagini dell’archivio storico dell’ANAS.

Le sale dell’ex Casa Cantoniera ospitano una mostra che rappresenta a suo modo il ritratto di un paese che lavorava con idee semplici e chiarissime sul futuro da costruire, sull’azzeramento delle distanze. Era un umano bisogno quello di adoperarsi per avvicinare luoghi e persone e che si è tradotto nelle forme più evolute proprio attraverso lo sport e il turismo. Dal passato un motivo di riflessione nel dibattito ancora aperto sull’importanza e sul rapporto tra grandi opere e grandi eventi.

LA STORIA

Le origini del paese sono molto recenti: il comune sorse infatti per regio decreto il 18 ottobre 1934 su terreni della frazione Sauze di Cesana, separata dal comune di Cesana, dell’ex comune di Champlas du Col, che diventò frazione, e della frazione Borgata, separata dal comune di Pragelato. A partire dal 1930 Giovanni Agnelli, il fondatore della FIAT, che aveva acquistato per 40 centesimi al metro quadrato i terreni, fece costruire, su progetto di Vittorio Bonadè Bottino, due alberghi, che seguono i temi del Razionalismo italiano dell’epoca, tre funivie, costruite dall’impresa tedesca Adolf Bleichert & Co di Lipsia e dirette ai monti Sises, Banchetta e Fraiteve. La vita amministrativa del nuovo comune iniziò il 1° gennaio 1935. Fu ideato lo stemma, una banda nera ed una verde ed in mezzo un paio di sci a rappresentare la vocazione di stazione invernale di Sestriere, e il primo podestà fu Paolo Frà.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Sestriere. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale You Tube L’Agenda.