L’ingresso dell’arcivescovo Cesare Nosiglia nella Diocesi di Susa Autorità civili e militari da tutta la Valsusa

SUSA – Grandi festeggiamenti oggi pomeriggio a Susa per l’arrivo del nuovo arcivescovo: monsignor Cesare Nosiglia. Ad accoglierlo, dentro e fuori la cattedrale di San Giusto, più di un migliaio di fedeli provenienti da tutta la Valsusa. Presenti tutti i membri del clero valsusino, gli amministratori, deputati e senatori della Repubblica. A Susa anche le numerose associazioni religiose, civiche e militari oltre i massimi rappresentanti delle Forze dell’Ordine. Da oggi la Diocesi di Susa ha una nuova guida dopo Alfonso Badini Confalonieri.

Nosiglia e Confalonieri

 

CESARE NOSIGLIA

Festa a Susa dunque per l’arrivo di Cesare Nosiglia in Diocesi. Nato a Rossiglione, in provincia di Genova, 75 anni, è arcivescovo dall’11 ottobre del 2010. E’ il 94º arcivescovo metropolita di Torino e dal 12 ottobre 2019 amministratore apostolico di Susa. Compie gli studi nei seminari vescovili di Acqui Terme e di Rivoli. Il 29 giugno 1968 è ordinato presbitero dal vescovo Giuseppe Dell’Omo. Viene inviato a Roma per approfondire gli studi. Consegue la licenza in teologia alla Pontificia Università Lateranense e la licenza in Sacra Scrittura al Pontificio Istituto Biblico. È collaboratore delle parrocchie di San Giovanni Battista de Rossi e San Filippo Neri alla Pineta Sacchetti. Il 6 luglio 1991 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo ausiliare di Roma.