Sull’Asilo il Melograno di Rivoli interviene il Partito Democratico "Attualmente le amministrazioni pubbliche possono assumere personale"

alberghina sopra

RIVOLI – Si torna a parlare a Rivoli della futura gestione dell’Asilo il Melograno. La motivazione è di ordine economico. Un servizio che crea disavanzo e non chiude in pareggio il bilancio sempre più risicato del Comune. L’amministrazione sottolinea che la scelta “non è legata a giudizi sul funzionamento del  servizio o sulla professionalità e competenza del personale comunale che vi opera, ma è causata dall’impossibilità di assumere personale di ruolo per sostituire quello andato in pensione”.

In una nota il Partito Democratico di Rivoli contesta questa scelta. “Questo non risponde a verità, perché attualmente le amministrazioni pubbliche possono assumere personale e indire concorsi. Il nostro gruppo si è opposto a questa decisione che reputa sbagliata tanto più quest’anno che ricorrono i 50 anni dell’istituzione dell’asilo nido. Nel 1972 a Rivoli il primo asilo comunale, poi nel 1979 il secondo. Come servizio educativo, l’asilo nido, è stato inoltre inserito con la legge nel percorso 0/6 anni, quale sistema integrato del sistema istruzione”.

SULLA GESTIONE

Dicono ancora dal PD. “È ormai riconosciuto che gli investimenti nei primi 1000 giorni di vita di ogni individuo sono fondamentali perché è in questa fase che si costruisce il processo di crescita e di sviluppo della persona. Signor Sindaco le risorse impegnate nel settore dell’educazione e dell’istruzione, a cominciare da 0 a 3 anni, non sono una spesa, o peggio un disavanzo economico, ma un investimento sul futuro. Oggi più che mai, gli investimenti per gli asili nido sono necessari per evitare che la ripresa post Covid 19 produca ulteriori processi di disuguaglianze con il rischio di chiusura e allontanamento dai rapporti sociali e con i pari. Pensare inoltre, di aumentare fino al massimo della capienza il numero dei bambini e degli educatori per ogni nido, in questo periodo di pandemia e post pandemia, è quanto mai improprio“.

Dicono anche dall’opposizione in Consiglio Comunale. “A cinquant’anni dalla loro nascita l’impegno e l’obiettivo della pubblica amministrazione, dovrebbe essere quello di arrivare alla gratuità e non certamente di esternalizzare con il solo scopo di risparmiare“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale Yuotube L’Agenda.

gesim