“Riparti Piemonte”: le misure a sostegno dell’agricoltura Rimodulate le risorse del Programma di Sviluppo Rurale

bardonecchia orto urbano

TORINO – “Riparti Piemonte”: le misure a sostegno dell’agricoltura. Piemonteinforma, l’Agenzia quotidiana di informazione sulle attività della Giunta Regionale, comunica che ammontano a quasi 80 milioni di euro le risorse che Riparti Piemonte stanzia a favore dell’agricoltura. “Il Programma di Sviluppo Rurale ereditato dalla precedente amministrazione non aveva stanziato risorse per il 2020. Su misure fondamentali come l’agroambiente e l’indennità compensativa. Significava lasciare scoperte oltre 11.000 aziende agricole. – commenta il presidente Alberto Cirio – Grazie al nostro impegno questa grave mancanza è stata risolta. Oggi 6.000 aziende agricole di montagna e oltre 5.000 imprese nel settore agroambientale e biologico potranno usufruire di un supporto importante per affrontare la ripartenza”.

I COMMENTI

Con Riparti Piemonte – precisa l’assessore all’Agricoltura e Cibo, Marco Protopapa – abbiamo deciso di rimodulare le risorse del Programma di Sviluppo Rurale. Da destinare in modo specifico a favore delle nuove esigenze delle aziende in tempo post-Covid, oltre a trovare nuove risorse. Sono previsti 25 milioni alle filiere dell’agroalimentare, ortofrutta e vitivinicolo. Per aumentare la competitività del settore agricolo piemontese. E consentire alle organizzazioni di produttori di effettuare degli investimenti mirati per le filiere produttive. Soprattutto di fronte alle criticità generatesi a seguito della pandemia. Prosegue inoltre il sostegno ai giovani agricoltori, alle imprese agricole e alle cooperative. Per la consulenza specialistica degli imprenditori agricoli sono stati destinati oltre 11 milioni di euro. Ne sono stati assegnati oltre 8 per le aziende agricole di montagna. Inoltre si stanno recuperando risorse ancora presenti nel Psr. Da destinare in modo specifico a favore delle nuove esigenze delle aziende in tempo post COVID-19. Si ricorda che all’inizio dell’emergenza siamo riusciti ad ottenere un forte aiuto per 11.000 aziende tra indennità compensativa e agroambiente”.

LE AZIONI DI SOSTEGNO ALL’AGRICOLTURA

  • Filiere e prodotti: 25 milioni per ortofrutta, agroalimentare e promozione dei vini piemontesi sui mercati extra UE
  • Giovani agricoltori: 2,5 milioni per i giovani che intendono avviare un’attività e migliorare la produzione
  • Credito: 1,35 milioni per sostenere gli imprenditori agricoli singoli od associati e le cooperative agricole piemontesi con la concessione di contributi a copertura degli interessi su prestiti per la conduzione aziendale della durata massima di un anno.
  • Tutor per le aziende agricole: 11 milioni per supportare gli imprenditori agricoli a migliorare le prestazioni economiche, commerciali ed ambientali delle aziende attraverso l’adeguamento ed il potenziamento della rete di consulenza e di informazione alle imprese e la qualifica degli operatori rurali
  • Salariati agricoli stagionali: 450.000 euro (somma delle dotazioni finanziarie a partire dal primo bando del mese di gennaio 2020 e ultimo bando del mese di maggio 2020 con 97.000 euro) a sostegno delle amministrazioni locali per interventi per la sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali operanti nelle aziende agricole piemontesi
  • Sviluppo aree rurali di montagna: 8,3 milioni per indennità compensativa a sostegno di circa 6 mila aziende agricole di montagna
  • Agroambiente: 27,4 milioni a sostegno dello sviluppo di oltre 5 mila imprese agricole per interventi agroambientali e biologico.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!