Palio di Susa, quest’anno la Contessa è Nobile: Arianna Barocco e Marco Regazzoni le figure principali

SUSA – Oggi, domenica 6 maggio, è stato svelato il nome della Contessa 2018 per il Palio di Susa, e naturalmente del Conte suo accompagnatore. Sono Arianna Barocco e Marco Regazzoni le figure principali del Torneo Storico dei Borghi di Susa di quest’anno. Arianna e Marco in questa investitura hanno ottenuto entrambi un “premio alla carriera“. Arianna già figurante e dignitaria del Borgo è nella “sacra” famiglia di Natale Grassi, coordinatore dei tamburini del borgo dei Nobili che da sempre si spende per animare il torneo sotto il colore arancione. Marco da trentadue anni veste i costumi del Borgo dei Nobili e non ha mai mancato una edizione. Nominati dal Borgo dei Nobili saranno i protagonisti delle giornate di gare che decideranno a chi andrà il palio dipinto dal maestro Giorgio Ramella.

L’artista

Il dipinto del palio di Susa ha per tema : “Storie dell’anno 1000 fantasmi e false reliquie, la testimonianza di Rodolfo il Glabro“. Ramella nasce a Torino il 24 febbraio 1939. Compiuti gli studi classici, frequenta l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino dove segue il corso di pittura di Enrico Paulucci e di tecniche incisorie di Mario Calandri. L’esordio sulla scena artistica torinese è negli anni Sessanta con un’esposizione alla Galleria La Busso-la insieme a Ruggeri, Saroni, Soffiantino e Gastini; nella stessa galleria allestisce la prima mostra personale nel maggio del 1964 e poi via via fino ad oggi.

Il Torneo con gli Spadaccini di Assisi

Il Torneo Storico che andrà in scena nei giorni 20, 21 e 22 luglio  vedrà quest’anno la presenza degli Spadaccini di Assisi. Il Gruppo Storico Spadaccini di Assisi nasce nel settembre del 2014, con l’intento di mantenere e diffondere la cultura e la storia della Città Seraphica, dedicandosi con particolare riguardo al periodo del Medioevo. Gli Spadaccini di Assisi con il loro lavoro intendono riproporre nei costumi, nelle attrezzature, nello stile delle sue  esibizioni, il medioevo del XIV–XV secolo, periodo in cui ad Assisi si alternavano momenti di pace con guerre e devastazioni, tra nuovi e vecchi padroni e la città era continuamente dilaniata dai contrasti tra la Parte de Sopra e la Parte de Sotto.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Giaveno. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.