Monte Chaberton, ancora chiusa la strada militare La strada è stata colpita da una frana

CESANA – La strada militare che sale dalla Frazione al Monte Chaberton è chiusa al transito pedonale e ciclabile. Questo a causa della frana dello scorso anno e alla grave instabilità del tratto che interessa tutta la zona del Rio dell’Inferno. L’accesso percorribile per il monte Chaberton, sia in salita che in discesa, sarà da Monginevro oppure da Claviere. La strada militare è completamente impraticabile e molto pericolosa. Il Comune di Cesana declina ogni responsabilità per tutti coloro che non rispetteranno il divieto.

LA STORIA

Il Centro 111 era presidiato da 15 soldati e armato con due mitragliatrici che battevano il versante occidentale del colle. Presso l’ingresso, percorso un breve tratto del corridoio, si trovava il locale che ospitava il gruppo elettrogeno. Garantiva il funzionamento della ventilazione e dell’illuminazione. Era costituito da un piccolo motore a scoppio alimentato a benzina e da un generatore elettrico in corrente continua di bassa potenza. Il generatore di serie impiegato era il Tipo Condor U.1620. Prodotto dalla Costruzioni Meccaniche Fratelli Guidetti di Milano. Dotato di un motore monocilindrico di 247 cc,. Accoppiato ad una dinamo, poteva produrre 1,62 Kw. Superata una porta blindata a tenuta stagna, si accedeva all’interno del locale logistico. Il ricovero, di circa 25 metri quadrati, era dotato di tutto quanto era indispensabile alla sopravvivenza in caso di isolamento forzato. Causato delle frequenti condizioni meteorologiche avverse.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!