Mompantero: spento il ripetitore non si vede la RAI, chiesti al comune 15 mila Euro Da Roma potrebbero assegnare una nuova banda satellitare

MOMPANTERO – Nel comune di Mompantero, soprattutto nelle borgate di Pietrastretta e Trinità, c’è il problema sulla ricezione dei canali RAI dopo l’aggiornamento delle frequenze di qualche settimana fa. Spiegano dal Comune. “Il 7 gennaio scorso il Ministero dello Sviluppo economico ci ha comunicato la cessazione del servizio del ripetitore comunale sito in località Brunetta. Il giorno stesso abbiamo sentito prima il tecnico manutentore del ripetitore e poi abbiamo faticosamente raggiunto il funzionario del MiSE responsabile del procedimento. Entrambi hanno confermato l’irreversibilità della cosa. Abbiamo anche sentito RaiWay, la società costola di Rai che si occupa dei ripetitori, senza avere migliori notizie. Insistendo col MiSE ci è infine stato comunicato che il mese prossimo, forse, ci potrebbero assegnare una nuova banda satellitare così che – a costo del Comune – sarebbe possibile ripristinare le trasmissioni Rai”.

IL SERVIZIO

Per questa operazione si tratta di cifre tra gli 8 e i 15 mila euro a carico del Comune di Mompantero. Dicono dall’amministrazione.  “E’ un servizio per cui stiamo comunque tutti pagando il canone anche in queste settimane in cui non riceviamo i canali Rai, la risposta propostaci non ci è parsa ragionevole. Abbiamo quindi contattato la città Metropolitana di Torino, nella persona del Vice Sindaco Jacopo Suppo, che è di fatto il reggente dell’ente, il quale ci ha garantito interessamento. Anche perché sono centinaia i paesi del torinese nella nostra medesima situazione, ha convocato una riunione col presidente dell’Uncem per elaborare una strategia condivisa e ha già scritto ai ministri Giorgetti e Colao esponendo la problematica. Crediamo che un’azione istituzionale il più collettiva possibile abbia maggiori potenzialità di successo rispetto ad atti di protesta, magari anche clamorosi, portati avanti da singole comunità. Ora siamo in attesa di vedere se qualcosa si smuove, in caso contrario cercheremo altre vie per affrontare il problema, ben consci del disagio che la nostra cittadinanza sta patendo”.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.