Meteo Piemonte: nuova irruzione di aria fredda nel corso del fine settimana

TORINO – Meteo Piemonte: nuova irruzione di aria fredda nel corso del fine settimana. Un flusso umido e perturbato da sud ovest in queste ore continua a determinare piogge anche persistenti sulle alte vallate alpine del Piemonte occidentale con quota neve in progressivo calo localmente fin sotto i 2000m entro la serata quando è attesa anche qualche pioggia in pianura. Fenomeni in generale attenuazione dalla tarda serata salvo la ripresa di qualche rovescio verso la Lombardia entro il primo mattino di Sabato. Il passaggio del fronte sarà accompagnato dall’arrivo di una massa d’aria piuttosto fredda che inizierà a lambire le Alpi da Sabato e si attiveranno venti di Foehn anche forti sulle Alpi e nelle valli alpine, localmente con qualche raffica sulle vicine pianure dal Torinese al Novarese verso sera, attese ampie schiarite in giornata. Anche Domenica si presenterà in prevalenza soleggiata. Le temperature subiranno un calo significativo già Sabato sulle Alpi, mentre in pianura le massime subiranno un temporaneo aumento (tra 9/13°C), probabile ritorno delle gelate Domenica mattina con locali punte anche di -5/-9°C nelle aree di aperta campagna lungo corsi d’acqua e nei fondovalle più freddi, in calo anche le massime che saranno comprese tra 4/8°C. L’aggiornamento di Centro Meteo Piemonte CMP.

PREVISIONI METEO IN PIEMONTE

La meteorologia, letteralmente “studio dei fenomeni celesti”, è il ramo delle scienze dell’atmosfera e della Terra che studia i fenomeni fisici che avvengono nell’atmosfera terrestre (troposfera) e responsabili del tempo atmosferico. Le previsioni meteorologiche si ottengono solitamente dalla seguente procedura:

  • osservazione e misurazione delle variabili atmosferiche (a esempio velocità e direzione del vento, temperatura dell’aria, umidità e pressione atmosferica);
  • trascrizione, studio ed elaborazione dei dati rilevati su carte sinottiche o assimilando i dati attraverso modelli matematici che girano su calcolatori numerici. Dove in quest’ultimo caso viene prodotta la situazione meteorologica di un determinato momento, chiamata analisi;
  • prognosi futura a partire dalle carte sinottiche. Oppure facendo evolvere la condizione iniziale tramite uso dei modelli matematici meteorologici (previsione).

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.