Meteo Piemonte: nelle ore centrali schiarite e nuovo aumento della copertura in serata

neve inverno gelo

TORINO – Meteo Piemonte: un vortice di bassa pressione interessa tutta l’area del Mediterraneo centro-occidentale continuando ad alimentare l’afflusso di aria fredda anche sulla nostra regione. L’intensificazione di correnti fredde orientali hanno determinato un peggioramento del tempo, con nevicate sulle Alpi occidentali anche consistenti e deboli fenomeni a bassa quota sul settore meridionale. Successivamente il centro di azione della perturbazione si sposterà verso le Baleari, favorendo un’attenuazione temporanea delle precipitazioni nel pomeriggio di oggi seguito dalla ripresa di deboli fenomeni nella mattinata di domani. Giovedì la depressione si allontanerà verso sudest portando flussi settentrionali più asciutti sulla regione. Nuvolosità: cielo nuvoloso fino a metà mattinata sul settore centro-meridionale, qualche iniziale schiarita altrove. Nelle ore centrali schiarite anche ampie e nuovo aumento della copertura in serata. Precipitazioni: deboli o moderate sulle zone pedemontane e montane comprese tra Alpi Graie e Marittime al mattino. Deboli piogge sulle pianure centrali nelle ore prima dell’alba. Dalla tarda serata piovaschi sulle pianure orientali. Zero termico: in aumento nelle ore centrali sui 1400-1500 m, nuovo calo in serata sui 1100-1200 m. Venti: dai quadranti orientali a tutte le quote, moderati in montagna e deboli altrove, con residui rinforzi sulle pianure orientali al primo mattino. L’aggiornamento da Arpa Piemonte.

PREVISIONI METEO IN PIEMONTE

La meteorologia, letteralmente “studio dei fenomeni celesti”, è il ramo delle scienze dell’atmosfera e della Terra che studia i fenomeni fisici che avvengono nell’atmosfera terrestre (troposfera) e responsabili del tempo atmosferico. Le previsioni meteorologiche si ottengono solitamente dalla seguente procedura:

  • osservazione e misurazione delle variabili atmosferiche (a esempio velocità e direzione del vento, temperatura dell’aria, umidità e pressione atmosferica);
  • trascrizione, studio ed elaborazione dei dati rilevati su carte sinottiche o assimilando i dati attraverso modelli matematici che girano su calcolatori numerici. Dove in quest’ultimo caso viene prodotta la situazione meteorologica di un determinato momento, chiamata analisi;
  • prognosi futura a partire dalle carte sinottiche. Oppure facendo evolvere la condizione iniziale tramite uso dei modelli matematici meteorologici (previsione).

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.