La Regione dà l’ok alla vendita di articoli da cartoleria e cancelleria Priorità di accesso per la spesa di generi alimentari agli operatori sanitari e di protezione civile

matite

TORINO – La Regione Piemonte dà l’ok alla vendita articoli da cartoleria e cancelleria. Una nuova ordinanza infatti permette la vendita di cancelleria negli esercizi commerciali già aperti. Oltre che priorità di accesso per la spesa agli operatori sanitari e di protezione civile all’interno delle attività di vendita di generi alimentari. Dunque sarà possibile a partire da oggi la vendita al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio. Lo stabilisce l’ordinanza firmata ieri dal presidente della Regione Piemonte. Il documento è stato definito in collaborazione con l’assessore al Commercio Vittoria Poggio – Assessore Regionale. Con gli assessori all’Istruzione Elena Chiorino e ai Bambini Chiara Caucino – Assessore Regionale. Parallelamente le cartolibrerie e gli altri esercizi commerciali, che da Decreto devono mantenere i locali chiusi al pubblico, potranno proseguire la vendita di questi prodotti di cancelleria per corrispondenza con consegna a domicilio.

LA VENDITA PER CORRISPONDENZA

La Regione Piemonte si impegnerà a promuovere e a dare visibilità sul proprio sito istituzionale alle cartolibrerie che eseguono il servizio di vendita per corrispondenza con consegna a domicilio. “Abbiamo ritenuto importante venire incontro alle esigenze espresse da tante famiglie e dal mondo scolastico. In un momento in cui la didattica a distanza è uno strumento fondamentale da continuare a potenziare. – sottolineano il presidente della Regione Cirio e l’assessore al Commercio Poggio – Comprendiamo però il disagio e le difficoltà del settore. Per questo, oltre a promuovere e a dare visibilità alle cartolibrerie, lavoreremo insieme ai loro rappresentanti. Nell’ambito del Piano di misure economiche straordinarie che stiamo predisponendo per sostenere tutte le imprese e i lavoratori colpiti dalle drammatiche conseguenze del Coronavirus”.

LA RICHIESTA È PERVENUTA DALLE FAMIGLIE

Raccogliendo i numerosi appelli – spiegano il presidente Cirio e l’assessore Poggio – e le tante richieste che in queste settimane sono pervenute soprattutto dalle famiglie con bambini. Ma più in generale da tutta la collettività, circa l’esigenza di reperire prodotti quali quaderni, pennarelli, biro e fogli. Come Regione siamo intervenuti nel limite delle nostre possibilità giuridico-normative per consentire la vendita di questi prodotti. Parliamo di articoli che da un lato consentono ai bambini e ai ragazzi di proseguire senza problemi nella didattica a distanza. Dall’altra permettono a tutti i cittadini di affrontare i difficili momenti di questo isolamento in casa. Con il sostegno di attività come la scrittura e il disegno che sono oggi più che mai fondamentali, soprattutto per i bambini, per aiutarci a definire e ad affrontare una nuova routine quotidiana“.

ACCESSO PRIORITARIO PER LA SPESA DI GENERI ALIMENTARI

L’ordinanza firmata ieri prevede anche che le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità garantiscano un accesso prioritario a medici, infermieri, operatori socio sanitari (OSS), membri della Protezione Civile, soccorritori e volontari muniti di tesserino di riconoscimento. “Un atto che ci sembrava doveroso – concludono il presidente Cirio e l’assessore Poggio – nei confronti di coloro che da settimane dedicano ogni istante del proprio tempo a tutelare e proteggere le nostre vite”. Il testo dell’ordinanza è alla pagina.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!