I Free Voices Gospel Choir, ottanta coristi e cinque musicisti Oltre cinquecento esibizioni sostenendo e facendosi promotore di numerose iniziative di solidarietà

BEINASCO – Il Free Voices Gospel Choir nasce nel 1997 a Beinasco. L’attuale formazione conta 80 coristi divisi in quattro sezioni vocali, tre ballerini e una band di  cinque musicisti che accompagna dal vivo ogni spettacolo. Tante voci dunque, ognuna diversa come diverse sono le esperienze, la storia e il sentimento religioso di ciascuno dei coristi, eppure un unico canto animato dalla passione comune per un modo di fare musica che vuole essere in primo luogo messaggio di fede e di speranza. Per il Free Voices Gospel Choir, la musica, le voci, la danza e persino gli abiti e le luci, sono strumenti per il raggiungimento di un unico obiettivo. Trasmettere l’emozione di “fare gospel”, sentito come canto di gioia che vive nella continua sinergia tra coro, musicisti e platea, per un unico emozionante “spettacolo” in cui nessuno è spettatore. Ancorato a questo modo di “fare gospel”, dalla sua formazione ad oggi, il Free Voices Gospel Choir si è impegnato in oltre cinquecento esibizioni sostenendo e facendosi promotore di numerose iniziative di solidarietà.

IL CORO

Si chiamiamo “Free Voices”, in Italiano: Voci Libere. Questo nome non è stato scelto a caso dai nostri “fondatori”. Forse, si potrebbe dire, non è un caso che sia arrivato alle loro menti. Voci Libere, voci che cantano libere e per la libertà. Ma quale libertà? Forse quella libertà per cui cantavano le popolazioni africane nei campi di prigionia e per la quale questi splendidi canti sono nati. La loro era una schiavitù in senso stretto, fatta di grosse catene che costringevano piedi e mani. Oggi al mondo ci sono ancora tante grandi schiavitù. Beh, a pensarci bene è tutto molto più semplice. Hanno scelto di aspirare alla libertà nel modo “inventato” dai nostri predecessori afro-americani. Cioè cantando, danzando e facendo musica. Certo, è diverso il contesto, è diverso il colore della pelle e anche quello della voce, ma per noi, come per loro qualche tempo fa, questi canti vivono del desiderio ardente e viscerale di libertà.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.