Giaveno, la cittadinanza onoraria a Enrico Calamai lo “Schindler di Buenos Aires” Salvò trecento italo-argentini dalla dittatura di Videla

GIAVENO – Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria a Enrico Calamai, il diplomatico ed ex viceconsole italiano in argentina che negli anni Settanta si impegnò per la difesa dei diritti umani durante la dittatura di  Videla. Con il suo ruolo all’interno del Consolato in Argentina, Calamai riuscì a salvare molti argentini di origine italiana dal regime dittatoriale di Videla, dal destino di desaparecidos, mettendo a rischio la propria vita. Per questo è soprannominato lo “Schindler di Buenos Aires“.

UN RICONOSCIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Sono più di trecento i perseguitati dal regime militare argentino, ufficialmente documentati o in base a testimonianze di sopravvissuti che vennero salvati da Calamai che ha sempre dato per scontato che se non vi fosse stato lui, al momento del golpe, ci sarebbe stato qualcun altro che si sarebbe comportato nello stesso identico modo. La cittadinanza onoraria ad Enrico Calamai arriva dopo quella a Vera Vigevani movimento delle Madri di Plaza de Mayo. La cerimonia di conferimento è prevista per il prossimo 3 maggio.