Filippo Poletti presenta “La Grammatica del nuovo mondo” sabato 30 luglio alle 21 a Sauze d’Oulx La grammatica del nuovo mondo è nata a Moncenisio con Aurora

filippo poletti

SAUZE D’OULX – La “Grammatica del nuovo mondo” vuole essere un vaccino contro il pessimismo: così l’autore Filippo Poletti presenta la sua nuova fatica letteraria. La grammatica del nuovo mondo è nata a Moncenisio con Aurora. La neonata del paese più piccolo del Piemonte è uno degli esempi di vita piemontesi nel nuovo libro dell’influencer di Linkedin Filippo Poletti, di casa in Valsusa, che verrà presentato alla sala conferenze dell’Ufficio del Turismo di Sauze d’Oulx in viale Genevris 7 sabato 30 luglio alle ore 21. Con Poletti dialogherà lo storico dell’arte Roberto Baseggio. Un libro che è arrivato alla seconda ristampae di cui ne hanno parlato ben 600 testate giornalistiche in tutta Italia

IL LIBRO DI FILIPPO POLETTI

Cosa resterà della pandemia oltre al dolore per i 400 mila malati e gli oltre 11 mila morti del Piemonte”, chiede il giornalista e top voice di LinkedIn Italia Filippo Poletti nel libro “Grammatica del nuovo mondo”? Sono storie di rinascita” come conferma l’autore: “La prima, la più bella, è quella di Aurora Maria Perottino, nata a  Moncenisio nelle settimane seguite allo scoppio del coronavirus. Dopo anni in cui il Comune più piccolo del Piemonte non vedeva una culla riempirsi, mamma Jonida partorì la bimba. Il paese fece festa, vedendo la luce risplendere nel tunnel della pandemia”. È la lettura fatta da Poletti nel volume edito da Lupetti: scritto tra Bardonecchia e Milano, il libro racconta 50 parole dell’universo inaugurato dalla pandemia, ordinate alfabeticamente.

L’ALFABETO

Si va dalla A di  Aurora alla   G di “grazie”, della I di “italiani” alla S di “silenzio”, alla U di “umanità”. Filippo Poletti, giornalista professionista con oltre 20 anni di esperienza ed uno dei 15 top voice ufficiali di LinkedIn in Italia, presenta la sua tesi: “Il coronavirus è stata una rivoluzione universale che ha cambiato per sempre la nostra esistenza. Oltre a essere stata una tragica emergenza sanitaria, la pandemia rappresenta un cambiamento radicale, potente quanto quello innescato dalla prima, dalla seconda, dalla terza e dalla quarta rivoluzione industriale. E in questo cambiamento occorre imparare a riconoscere le luci come appunto la gioia di Moncenisio per l’arrivo di Aurora. La piccola Aurora, gli esempi di operosità piemontese e la fede ritrovata sono luci del nuovo mondo».

NOTIZIE DELL’AGENDA

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Seguici su YouTube L’Agenda News.