Crea sito

Condove, i ragazzi dell’Istituto Comprensivo per non dimenticare l’Olocausto Domenica di riflessione con associazioni e scuole

CONDOVE – La Giornata della Memoria è cominciata in via Piave, dov’è posta dall’anno scorso la pietra d’inciampo di Mario Bocco: condovese deportato e morto in un campo di concentramento. Il gruppo composto da studenti, autorità comunali e associazioni ha poi raggiunto piazza Martiri della Libertà per il momento ufficiale di questo importante momento per la memoria e la vita civile. I ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Condove con racconti e lettere hanno ben sintetizzato un lungo lavoro di preparazione che li ha visti protagonisti di un lavoro sulle deportazioni durante la Seconda Guerra Mondiale. Un momento affrontato con rigore e profondità che ha lasciato nei presenti un tema di riflessione.

LA PRIGIONIA DI ALLASIO IN UN LIBRO

A coordinare gli interventi è stato Danilo Bonavero, presidente dell’Anpi, che ha voluto sottolineare l’importanza di questa giornata: “Affinchè questi orrori non si ripeta più“. Il sindaco Emanuela Sarti ha poi, in un nota storia, ricordato quanto il governo fascista fu protagonista e partecipe, e non solo spettatore, della segregazione razziale, prima, e delle atrocità commesse poi. Il sindaco ha poi paragonato quanto accaduto ieri con quando potrebbe succedere oggi sul tema della diversità. E’ seguito l’intervento dell’ex deportato Ottavio Allasio, novant’anni portati splendidamente, che ha ricordato ai giovani le atrocità di cui è stato protagonista. Il suono stridente della sirena ha concluso la celebrazione.