Chiomonte: tutti i comuni dell’alta Valsusa per il 25 Aprile, festa della Liberazione Valsusa Nel 77° anniversario appuntamento a Les Ramats

Partigiani (ph Istoreto)

CHIOMONTE  – Si svolgerà a Chiomonte in frazione Les Ramats il 25 Aprile, festa della Liberazione, di tutti i comuni dell’alta Valsusa. Quest’anno, la celebrazione unitaria in occasione del 77° anniversario della Liberazione, vedrà il ritrovo alle 10,30 presso la Chiesa in Frazione di Sant’Antonio. Alle 11 la Messa e alle 11,40 il corteo verso il Monumento della resistenza con l’omaggio floreale. Ci sarà il saluto delle autorità e l’orazione del presidente dell’Unione Montana Alta Valsusa Mauro Carena. La mattina proseguirà con letture di memorie partigiane a Chiomonte e Les Ramats a cura di Artemuda. Interverrà la banda Musicale Alta valle Susa.

alta valle

IL 25 APRILE IN ALTA VALSUSA

Nel marzo del 1944 la formazione assunse il nome di Corpo Italiano di Liberazione. Il continuo afflusso di volontari rese necessaria la formazione di ulteriori unità. Esercito Cobelligerante Italiano è una denominazione con la quale si identificano quei reparti del Regio Esercito combattenti a fianco delle forze alleate. Coincise in buona parte con la Campagna d’Italia alleata. Fu costituito in seguito alla riorganizzazione del Regio Esercito nel cosiddetto Regno del Sud, dopo l’annuncio dell’armistizio dell’8 settembre 1943 tra l’Italia e gli Alleati. Il primo nucleo fu il Primo Raggruppamento Motorizzato.

FESTA DELLA LIBERAZIONE

Dal marzo 1944 inquadrato come Corpo Italiano di Liberazione. Alla fine del 1944, a seguito del parziale sfondamento della Linea Gotica da parte degli alleati, fu riorganizzato in 17 grandi unità. Sei Gruppi di combattimento di grandezza divisionale, otto divisioni ausiliarie e tre divisioni di sicurezza interna.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.