Lutto a Cesana è morto Giuseppe Ferraris, Alpino e maestro di sci per passione Impresario aveva lasciato l’attività al figlio e si era dedicato al paese

CESANA- Lutto nel gruppo Alpino e in tutto il paese per la morte di Giuseppe Ferraris. Capo gruppo delle penne nere dal 1996 fino a pochi anni fa quando lasciò la stecca a Ruggero Tisseran. Classe 1933 impresario edile lavorò con dedizione e riconosciuta competenza per molti anni fino a veder maturare professionalmente il figlio.

Giuseppe Ferraris

Anche la neve era nel suo Dna. Cominciò la sua attività di maestri di sci sul Colle al Sestriere dando impulso alla scuola sci per poi passare a quella più vicina di Sansicario nuova. Dalla fine della naja, passata nelle Truppe Alpine, non smise mai di portare il cappello e il suo amore per le penne nere proseguì nell’Associazione Nazionale Alpini nel Gruppo di Cesana. Per molti anni socio iscritto poi, dal 1996 al 2015, Capo Gruppo sempre impegnato nelle attività sezionali e di paese. Ruggero Tisseran lo ricorda come: “Un ottimo collega nel mondo dell’edilizia, sempre preciso e onestissimo, così come nel mondo alpino. Diede energia e impulso al Gruppo che seguiva sempre con dedizione e amore paterno”.

Anche il sindaco Lorenzo Colomb lo ricorda: “Ho appreso con profondo rammarico e costernazione la morte di Giuseppe Ferraris, storico capogruppo della sezione del Gruppo ANA di Cesana Torinese, la comunità cesanese perde un uomo che aveva ben saldi e rappresentava saggiamente i valori, la storia, il senso di appartenenza e lo spirito degli Alpini. Insieme a Giuseppe ho avuto la fortuna di condividere in veste di Sindaco le solenni commemorazioni che ogni anno rendiamo ai nostri caduti delle guerre, ho un ricordo molto piacevole della sua profonda passione e del suo attaccamento alla tradizionale Festa degli Alpini che ogni anno conclude le manifestazioni estive che si tengono sul territorio di Cesana, proprio quest’anno in occasione dell’ottantacinquesimo anniversario del Gruppo ANA di Cesana Torinese avevo consegnato a Giuseppe Ferraris, insieme a Ruggero Tisserand, che ha preso la guida della sezione, una targa di benemerenza per ricordare l’impegno e la dedizione profonda portata avanti negli anni da Giuseppe Ferraris. Ricordo perfettamente il suo pieno sostegno e apprezzamento nei confronti delle commemorazioni solenni che la mia Amministrazione ha realizzato in successione annuale per ricordare il centenario della Grande Guerra, e le sue date simbolo, quest’anno nel centenario della disfatta di Caporetto, così come ricordo ancora il suo sostegno per le commemorazioni annuali dei Caduti dello Chaberton che la mia Amministrazione ha voluto riportare alla memoria da alcuni anni insieme alla valida collaborazione dell’Associazione Monte Chaberton, ricordo che la ditta di Ferraris era stata incaricata in osservanza del Trattato di Pace del 1947 di smantellare le installazioni militari del Forte Chaberton che restavano dalla Battaglia del giugno 1940. Alla famiglia di Giuseppe Ferraris, ai suoi cari, agli Alpini del Gruppo ANA di Cesana giunga il cordoglio dell’Amministrazione comunale e le mie personali più sentite condoglianze”.