Crea sito

Cantiere TAV: si va avanti, i commenti dei politici della Valsusa Frediani, Ruzzola, Ruffino, Napoli e Casolati intervengono sulla TAV

Cantiere tav commentiTorino, manifestazione SiTav

CHIOMONTE – Sul Cantiere TAV i commenti di oggi. Il premier Giuseppe Conte ha detto formalmente sì alla Tav, un cambio di passo impensabile fino a qualche tempo fa. E così, dopo gli attacchi sferrati dal ministro dell’Interno a quello delle Infrastrutture e dei Trasporti per i suoi troppi no. Conte dunque va contro Danilo Toninelli e la linea del Movimento 5 Stelle. La scelta del Primo Ministero è stata dettata dalla volontà di non perdere i finanziamenti europei. Come prevedibile non sono mancate le dichiarazioni dal mondo politico valsusino.

Francesca Frediani

FREDIANI, CINQUESTELLE

Francesca Frediani, consigliere regionale Movimento 5 Stelle: “Quella che abbiamo sentito stasera è la posizione di Conte. Ora aspetto la posizione politica del mio Movimento. Quel Movimento 5 Stelle che è NoTav da sempre. Il contratto prevedeva la costi benefici: si è fatta e ha dato esito negativo. Ora si rispetti il contratto. E se si decidesse di andare al voto in aula, si ricordi che, sempre secondo il contratto, una parte non può mettere l’altra in minoranza“.

Paolo Ruzzola

PAOLO RUZZOLA, FORZA ITALIA

Cantiere TAV tra i commenti Ruzzola di Forza Italia. “Le parole di Conte seppelliscono, speriamo una volta per tutte, la decrescita (in)felice del M5S e salutano il ritorno dell’Italia tra i Paesi normali. Con qualche chance di crescita. Ci hanno provato in tutti i modi e fino all’ultimo a farci fare la fine del terzo mondo. Grazie alla retorica diffamatoria della corruzione, alle analisi costi-benefici fake, alla connivenza con le frange anarchiche. Alla fine però siamo riusciti a vincere la battaglia! La TAV si farà completando quel progetto di collegamento di collegamento veloce. Sia di passeggeri e merci tra una parte e l’altra del vecchio continente.

Finalmente abbiamo sbattuto la porta in faccia ai nemici del progresso e dello sviluppo. Ora la sfida è portare più ricadute possibili dal punto di vista di investimenti, realizzare le opere compensative. Bisogna portare ricadute occupazionali nel nostro territorio, in particolare nella Valsusa. Bisogna colmare il gap accumulato in questi anni. L’Italia sa però dare il meglio di se nei momenti di difficoltà. La nostra Giunta regionale con Alberto Cirio farà il suo al riguardo“. Ad affermarlo è  Paolo Ruzzola capogruppo in Consiglio regionale di Forza Italia.

Daniela Ruffino

DANIELA RUFFINO, FORZA ITALIA

Le parole del premier Giuseppe Conte confido mettano la parola fine alla telenovela No Tav messa in scena da anni. Prima dal Pd, poi dal Movimento Cinque Stelle. Ora gli esponenti grillini rispettino la decisione del presidente del Consiglio. Messa in soffitta la demagogia pentastellata, confido che si lavori tutti insieme per ridurre i tempi di realizzazione dell’opera. Bisogna recuperare il troppo tempo perso. Il Frejus venne realizzato in meno tempo rispetto alle previsioni iniziali. Abbiamo tutte le possibilità di ripetere quell’impresa, portando anche lavoro e attenzione nella nostra Valsusa”. Ad affermarlo in una nota l’onorevole Daniela Ruffino di Forza Italia. Il Cantiere TAV tra i commenti in Parlamento.

Osvaldo Napoli

OSVALDO NAPOLI, FORZA ITALIA

Dichiarazione di Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera: “Un anno perso, danno inestimabile alla credibilità dell’Italia, alla fine il presidente del Consiglio ha trovato il colpo di reni. La Tav va avanti, come il buon senso vuole, e il M5s deve mettersi in riga. È una vittoria per l’Italia e una sconfitta secca per il ministro Toninelli e il M5S che viene colpito al cuore visto che proprio il No alla Tav era una delle ragioni fondative di quel movimento. Con ciò si conferma che l’ideologia della decrescita felice è stata e rimane il più grande ostacolo allo sviluppo dell’Italia. Conte ha preso atto della contrarietà della Francia di Macron a una Tav “ridotta” e si è adeguato.

Il M5s è stato sconfitto alle regionali in Piemonte e quella sconfitta viene sanzionata anche sul piano delle scelte politiche. Conte riconosce fondata la lunga e coerente battaglia del centrodestra, di Forza Italia e della Lega, a favore dell’opera. Con la decisione sulla Tav, Conte si pone come naturale punto di equilibrio fra la maggioranza e le opposizioni. Si apre la soluzione dei problemi riducendo il peso delle scelte ideologiche del M5S“.

Marzia Casolati

LA SENATRICE CASOLATI, LEGA

“La Tav, come abbiamo sempre sostenuto, è un’opera fondamentale per l’intero Paese. Sarà fatta per rendere più veloci i collegamenti internazionali e dei pendolari, alleggerire il traffico su gomma delle merci, abbattendo l’inquinamento. Il cantiere va avanti ed è un’importante vittoria della Lega. In questo anno, abbiamo lavorato anche per abbattere i costi a carico dell’Italia e siamo riusciti dell’importante obiettivo di rivedere i rapporti con l’Unione europea in termini di spese. Ora avanti tutta su Tav e su tutte le opere minori accessorie. Indispensabili per rendere questa infrastruttura davvero efficiente. Dopo le parole di stasera del premier Conte, domani al question time in aula. Ci aspettiamo il definitivo sì all’opera perché il Paese non può più aspettare” ha scritto in una nota la senatrice Marzia Casolati.