Claviere, sul crocifisso bruciato dai Centri Sociali interviene la senatrice Casolati Insulti anche al Ministro degli Interni

CLAVIERE – Sul gesto compiuto dai Centri Sociali a Claviere con un crocifisso bruciato davanti alla chiesa parrocchiale interviene la senatrice Marzia Casolati (Lega). “In alta Valle di Susa, a Claviere, si è verificato l’ennesimo gravissimo episodio di delinquenza e di offesa alle Istituzioni – denuncia la senatrice Casolati – quando nella notte di Capodanno nella cittadina alpina un gruppo di anarchici dei Centri Sociali dopo aver organizzato una manifestazione non autorizzata ha pesantemente insultato il Ministro degli Interni e con un gesto sacrilego hanno bruciato un crocifisso davanti alla Chiesa Parrocchiale“. “Gli anarchici che questa estate avevano occupato uno spazio privato della Diocesi a Claviere ora sono accampanti in una ex casa Cantoniera a Oulx. Denuncio con forza queste azioni e chiederò al Prefetto di Torino un intervento risolutivo per mettere in sicurezza il territorio della Valle di Susa” conclude la senatrice.

UN GESTO GRAVISSIMO

Un gesto definito dalla Senatrice Casolati gravissimo quello compiuto al crocefisso davanti alla chiesa della Visitazione di Maria Santissima di Claviere. La cattedrale sorge in piazza Europa, nel concentrico, lungo la strada che conduce al colle del Monginevro e si affaccia su un ampio sagrato. L’attuale edificio ha sostituito la chiesa preesistente, settecentesca. Essa si sviluppa secondo un impianto a navata unica, con due brevi cappelle laterali, presbiterio e abside semicircolare, copertura a soffitto piano. La facciata, risolta semplicemente a capanna e lasciata come tutto il complesso in pietra a vista, è affiancata nello spigolo est dalla torre campanaria e impreziosita dal portale d’ingresso, sistemato in una nicchia arcuata, intonacata e affrescata.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.