All’Istituto Comprensivo di Avigliana il Convegno INCLUD-AMO

AVIGLIANA – All’Istituto Comprensivo di Avigliana il Convegno INCLUD-AMO.

ALL’ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIGLIANA IL CONVEGNO INCLUD-AMO

Pubblico delle grandi occasioni nel pomeriggio del 16 aprile all’auditorium della scuola Secondaria “Ferrari” ad Avigliana. L’occasione non una pièce teatrale o un concerto, ma un convegno sull’inclusione organizzato e fortemente voluto dal Dirigente Scolastico, Dott.ssa Romana Guma, dell’I.C. Avigliana. Il titolo, come ha sottolineato la vice-preside, Cinzia Debernardi. “INCLUDI-AMO, dove il suffisso di questo verbo, declinato A S S O L U T A M E N T E al plurale, è la chiave di lettura di ogni azione inclusiva che si mette in campo. Bisogna amare il proprio lavoro, bisogna amare il proprio piccolo e grande mondo, bisogna amare chi abbiamo la fortuna di incontrare sulla nostra strada, bisogna amare. Solo così l’inclusione diventerà davvero un compito routinario che creerà un clima  empatico, sereno e accogliente dove il raggiungimento di traguardi, obiettivi e competenze avverrà nel migliore dei modi”. Relatori di grande rilevanza hanno portato sul palco dell’auditorium la loro esperienza, le loro competenze e in parte la loro vita. FABROCINI CINZIA, psico-pedagogista, formatrice a livello nazionale per organismi pubblici, consulente per il MIM in progetti e linee guida dedicati all’infanzia e ai minori con vissuti abbandonici e post traumatici. La dottoressa Fabrocini ha collaborato con l’ I.C. per l’inserimento di alcuni bambini facenti parte del programma delle adozioni internazionali. Nei suoi racconti emerge da un lato la necessità di umanità da parte degli attori coinvolti nell’accoglienza e dall’altra la speranza di cui questi bambini sono portatori. MATERAZZO MARICA, responsabile area inclusione dell’associazione Rubens- La relazione che cura di Torino nonché terapista della riabilitazione psichiatrica. Tecnico specializzato in interventi assistiti con gli animali (cavallo, cane, gatto, coniglio e asino). Ha attivato progetti di pet education per l’ I.C. di Avigliana credendo nelle alte  finalità di questi progetti che vanno ad accrescere competenze e a creare un benessere emotivo, ormai ampiamente dimostrato in letteratura specifica. Nel suo intervento ha evidenziato le numerose iniziative dell’associazione dedicate a bambini, ragazzi e adulti tutte basate sull’autenticità delle relazioni che si creano con gli animali, in modo particolare con i cavalli e gli asini, tutti salvati da situazioni difficili.

GLI INTERVENTI

MAGGIOLO ELENA, docente nella scuola dell’infanzia Airone da quasi vent’anni di cui è anche responsabile di plesso, partendo dalla propria formazione professionale, sua la tesi Magistrale “L’inclusione scolastica: il libro come mediatore e facilitatore per un ‘educazione alla diversità”, oltre a sottolineare alcune riflessioni sulla letteratura classica, da Biancaneve a Pinocchio che educano a un superamento delle differenze, che vengono eliminate con la magia o grazie a un evento esterno e che dunque non portano a una valorizzazione delle diversità, ha proposto una breve attività rivolta al pubblico presente finalizzata a raccogliere una parola, una frase, una sensazione che è rimasta impressa durante il convegno. OLYMPIAH KATHARE, mediatrice interculturale e linguistica nonché operatrice socio-sanitaria e co-fondatrice del Forum nazionale "Donne Africane in Italia; che collabora con altre reti simili di altri Stati. Attualmente  lavora in un centro di accoglienza per ragazzi stranieri e come operatrice socio sanitaria con ragazzi fragili in un gruppo-appartamento. Nel suo racconto, basato sulla esperienza in Kenia, paese da cui proviene, sottolinea l’importanza di amare l’ altro, di accoglierlo con pazienza, di mettersi in ascolto delle sue esigenze, di “scendere al livello dell’altro” per riuscire ad aiutarlo grazie a diversi progetti che è riuscita ad attivare. La Dirigente Scolastica ha inoltre ribadito come : “Una scuola inclusiva è una scuola che utilizza la diversità come risorsa. Per fare questo tutti gli attori coinvolti devono fare la loro parte: parlandone, confrontandosi e condividendo buone pratiche. Fondamentale è anche creare a una sinergia, un’alleanza con le famiglie”. Tutto questo è priorità del nostro Istituto”.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.