Susa: celebrato il 4 Novembre, la Festa delle Forze Armate Presenti il Luogotenente Antonio Soggiu, il dirigente Ezio Aime e il capitano Laura Aimini

SUSA – Susa ha celebrato il 4 novembre, la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.  La città di Susa ha ricordato ieri, domenica 3 novembre, la festa della vittoria della Prima Guerra Mondiale. Celebrando la Giornata dell’Unità Nazionale, delle Forze Armate, dei Decorati, degli Invalidi, dei Combattenti e dei Reduci. Dopo la Messa nella cattedrale di san Giusto il corteo, sotto la pioggia, si è diretto da piazza San Giusto fino al monumento dei caduti.

Il corteo, con la Fanfara ANA Valsusa diretta dal maestro Danilo Bellando, ha attraversato il centro storico. Purtroppo la giornata di pioggia ha limitato la partecipazione del pubblico. In piazza  è stata deposta una corona ai piedi del monumento ai caduti e il sindaco Piero Genovese, per lui la prima volta in fascia tricolore per questa festa, ha fatto il suo discorso. Presenti per l’Arma dei Carabinieri il Luogotenente Antonio Soggiu, per la Polizia il dirigente Ezio Aime e per la Guardia di Finanza il capitano Laura Aimini.

IL IV NOVEMBRE

Il 4 novembre che si è festeggiato a Susa è la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate è una giornata celebrativa nazionale italiana. Fu istituita nel 1919 per commemorare la vittoria italiana nella prima guerra mondiale. La festa è il 4 novembre, data dell’entrata in vigore dell’armistizio di Villa Giusti firmato il 3 novembre 1918. Fino al 1976, il 4 novembre è stato un giorno festivo. Dal 1977, in pieno clima di austerity, a causa della riforma del calendario delle festività nazionali introdotta nel marzo del 1977, la ricorrenza è stata resa “festa mobile”. Quindi  con le celebrazioni che hanno luogo, ancora oggi, alla prima domenica di novembre. Nelle piazze delle principali città italiane si tengono concerti delle bande militari. Così come vengono organizzate celebrazioni di fronte ai Monumenti ai Caduti che sono presenti nei Comuni italiani.