Crea sito

A Rosta la Giornata di prevenzione dall’Ictus cerebrale Giulia Anghelone: "Una giornata importante per la nostra gente in tema di salute pubblica"

Morabito e Anghelone

ROSTA – A Rosta la Giornata di prevenzione dall’Ictus cerebrale. Per la prima volta a Rosta viene organizzata una giornata di prevenzione su così vasta scala relativamente ad una patologia così diffusa. Sarà sabato 26 ottobre dalle 9 presso la Casa delle Associazioni di via Dante Alighieri. Ad organizzare è l’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Fondazione Magnetto, l’ASL TO3, e la Casa della Salute, unitamente alla partecipazione delle associazioni locali, organizza una giornata di prevenzione dall’Ictus cerebrale. Oltre 1.400 persone coinvolte, la fascia di popolazione dai 50 ai 70 anni, sono stati invitati attraverso una lettera personale a sottoporsi ad una serie di controlli gratuiti. Questi sono in grado di evidenziare eventuali situazioni di rischio. Eventuali situazioni di anomalia verranno trasmette in automatico al medico curante per gli approfondimenti del caso.

UN IMPEGNO DELL’AMMINISTRAZIONE

Il nostro ringraziamento va innanzitutto all’ASL TO3 ed ai medici e personale infermieristico che hanno scelto di prestare questo servizio così importante” spiega l’Assessore Giulia Anghelone, che ha seguito il progetto per conto dell’Amministrazione Comunale. “Un ulteriore ringraziamento ai volontari delle associazioni locali, che si sono messi a disposizione di questa giornata così importante per la nostra gente in tema di salute pubblica”. Sono molte le associazioni che hanno collaborato: AVIS, AIDO, Arte&Salute, Associazione Stefano Mazza, Funzionalmente, AVO, Croce Verde.

UN CONTROLLO PER 1400 CITTADINI

Siamo contenti di essere riusciti in un periodo così breve a completare l’iter necessario per portare sul nostro territorio un servizio così importante.” spiega il Sindaco Domenico Morabito.Si affianca all’enorme impegno in tema sanitario con l’attivazione del centro prenotazioni esami clinici ed il punto prelievi”. Oggi chiudiamo il cerchio. Certo l’impegno è mastodontico. Gestire 1.400 lettere di invito ed effettuare su larga scala uno screening in una giornata. Con esami preliminari e consulti mirati significa uno sforzo logistico non indifferente. Siamo ormai pronti per far fronte a numeri importanti. Crediamo che la prevenzione sia un punto importante anche di un’Amministrazione Comunale. Per questo motivo ci siamo adoperati per rendere effettiva tale tutela della salute dei nostri concittadini”.

rosta