A Pasqua e Pasquetta cosa si può fare e cosa no in Piemonte?

TORINO – Regole per Pasqua e Pasquetta: in Piemonte cosa cambia? Sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 aprile tutta l’Italia sarà in zona rossa indistintamente dagli indici di contagio e dalla situazione epidemiologica di ogni regione. In tali giorni di festività varranno le limitazioni imposte per questa zona. Inoltre saranno comunque consentite alcune deroghe che saranno descritte nei prossimi giorni.

SPOSTAMENTI

Nei giorni di sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 aprile saranno consentiti:

  • gli spostamenti, una sola volta al giorno, per far visita ad amici o parenti verso un’altra abitazione privata della stessa Regione. Lo spostamento sarà consentito a due persone che potranno portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro;
  • gli spostamenti verso le seconde case acquistate in data antecedente al 14 gennaio. Lo spostamento sarà consentito al solo nucleo familiare e la seconda casa non deve essere abitata da altre persone;
  • il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Non saranno quindi ammesse gite fuori porta il giorno di Pasquetta. Va ricordato che il coprifuoco resterà in vigore tra le 22 e le 5. Potrà essere derogato solo per motivi di lavoro, salute o urgenze, da giustificare con l’autocertificazione.

SARÀ POSSIBILE PRESENZIARE ALLA SANTA MESSA?

I fedeli a Pasqua potranno andare a Messa, ma dovranno essere muniti di autocertificazione. Si potrà assistere alla funzione religiosa celebrata nella chiesa più vicina a casa. Bisognerà indossare la mascherina e rispettare le distanze di sicurezza.

BAR, RISTORANTI E NEGOZI

Come previsto per la zona rossa, i bar e i ristoranti resteranno chiusi. La vendita con asporto sarà consentita dalle 5 alle 18 senza restrizioni, mentre dalle 18 alle 22 sarà vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina o commercio al dettaglio di bevande. Enoteche e vinerie potranno effettuare la vendita con asporto fino alle ore 22. Come previsto per la zona rossa, sarà permessa la consegna a domicilio senza limiti di orario. Barbieri e parrucchieri rimarranno chiusi, mentre saranno aperti molti altri altri esercizi. Tra questi: alimentari, tabaccherie, ferramenta, edicole, farmacie, profumerie, lavanderie, negozi di ottica, intimo e  biancheria per la casa, abbigliamento di bambini, e giocattoli.

PASSEGGIATE E GIRI IN BICI

Le passeggiate, come previsto dalla zona rossa, saranno consentite solo nei pressi della propria abitazione. L’uso della bicicletta sarà consentito solo per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza, i negozi che vendono generi alimentari o di prima necessità. Sarà inoltre possibile utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto, ma in prossimità della propria abitazione.

LE VANCANZE ALL’ESTERO

Chi vorrà, in occasione della Pasqua potrà recarsi all’estero per turismo, rispettando però le disposizioni sanitarie vigenti nei Paesi di destinazione. I turisti potranno quindi raggiungere l’aeroporto o la nave da crociera in partenza, anche se si trova in una regione arancione o rossa. Al ritorno in Italia sono richiesti un tampone negativo e l’eventuale quarantena.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Testo di Andrea Carnino. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.