A Condove per il 4 Novembre, gli eroi della Grande Guerra hanno di nuovo il loro posto Scoperta la nuova lapide sulla facciata del Municipio

Condove, il 4 novembre

CONDOVE – Pioveva sulle sponde del Piave il 4 novembre del 1918, piove oggi a Condove cent’anni dopo. L’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci ha organizzato la celebrazione della Vittoria e delle Forze Armate. Durante la Santa Messa, in ricordo di tutti i caduti delle guerre, monsignor Claudio Iovine ha ricordato nell’omelia due persone di Chiesa legate ai conflitti. Angelo Roncalli fante nella Brigata Lombardia, poi papa, e Riccardo Panpuri dottore e prete ricordato dalle cronache come il dottor carità. Due uomini- ha ricordato il parroco- che portarono quella dura esperienza nella loro vita clericale. Al suono della tromba si sono alzati e ammainati i vessilli delle tante associazioni presenti in San Pietro in Vincoli. Gli Alpini, i Carabinieri, gli Avieri, i Marinai, i Paracadutisti e la Polizia di Stato, gli AIB, la Protezione Civile e le tante associazioni civili. La santa Messa è terminata con la lettura, da parte del presidente Emiliano Leccese, della preghiera del combattente.

LA NUOVA LAPIDE

Un breve corteo ha accompagnato tutti presenti davanti al Palazzo Municipale per lo scoprimento della nuova lapide ai Caduti della Prima Guerra. Dopo la caduta della lapide posta nel 1923 e caduta rovinosamente qualche mese fa, l’amministrazione ha provveduto a sistemarne una nuova. “La caduta della vecchia lapide- ha ricordato Leccese- ha permesso di aggiornare nomi e date erroneamente scritti e dimenticati lo scorso secolo“.

A scoprire la lapide sono stati chiamati due parenti dei caduti: Attilio Bonaudo, nipote omonimo del sottotenente caduto in battaglia nel 1916 e Rosario Decrù pronipote del soldato  Decrù morto in prigionia. Hanno poi presola parola la consigliera regionale Francesca Frediani che ha ricordato l’importanza del ricordo e della memoria della storia perchè sia tesoro delle nuove generazioni. Il sindaco Emanuela Sarti ha letto alcuni brani tratti da autori coevi della Grande Guerra che con la loro narrazione ha riportato l’orrore della guerra.

L’ASSOCIAZIONE COMBATTENTI E REDUCI

A Condove il 4 Novembre alla lapide. A cura dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci sono poi stati consegnati i diplomi per i soci d’onore e un mazzo di fiori alla nuova madrina dell’ANCR Lorenza Senor. Il presidente Leccese ha ringraziato quanti si sono prodigati per l’organizzazione dall’amministrazione, presente con gli assessori Suppo, Tabone e Bonavero, l’Unione Musicale Condovese, la Pro Loco, le associazioni d’arma e tutti presenti. Da oggi la facciata del Municipio non è più monca, i grandi soldati regi sono lì ad esempio e monito per tutti i condovesi.