Torino e provincia: stranieri sul territorio, il 9,3% è straniero Il fenomeno migratorio sul territorio

TORINO – XIII edizione per il rapporto dell’Osservatorio sugli stranieri in provincia di Torino: una vera e propria fotografia, aggiornata al 2020, del fenomeno migratorio sul territorio metropolitano. Per mettere a punto questo quadro, nevralgico per le scelte sulle politiche migratorie, la Prefettura di Torino conta sulla collaborazione, ormai storica, con altri 14 soggetti istituzionali che contribuiscono a fornire i dati. Regione Piemonte, Città metropolitana, Comune di Torino, Questura, Comando provinciale dei Carabinieri, Camera di Commercio; Centro per la giustizia minorile per il Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta del Ministero dell’Interno, Università di Torino, Ufficio scolastico regionale per il Piemonte, Ires Piemonte, Agenzia Piemonte Lavoro, Direzione territoriale del lavoro, Direzione Inail regionale, Forum internazionale ed europeo di ricerche sull’immigrazione.

LE PREFETTURE

Fra le moltissime competenze che oggi sono in capo alle Prefetture” ha commentato il Prefetto di Torino Raffaele Ruberto “considero fondamentali due compiti: antimafia e immigrazione. E su questo tema, ammiro la grande capacità di Torino di costruire collaborazioni ampie e durature, come quella necessaria a realizzare il Rapporto”. Il rapporto di quest’anno ha un tema centrale, legato ovviamente all’impatto della pandemia, dedicato a “stranieri e salute”. La Città metropolitana di Torino ha contribuito alla stesura attraverso il lavoro dell’Ufficio statistica del Dipartimento sviluppo economico, con la Direzione Istruzione, Pari opportunità e Welfare, e con l’Osservatorio abitativo sociale della Direzione Territorio e trasporti.

GLI STRANIERI

Il dato più rilevante è che, a dispetto di tante paure e preconcetti, la popolazione straniera rappresenta solo il 9,3% di quella complessiva: sul territorio metropolitano gli stranieri al 31 dicembre 2020 sono 205.988 unità su 2.212.996 abitanti totali. Di questi 131.256 sono a Torino (su 866.150 abitanti) e rispetto al 2019 in calo: 1622 stranieri in meno. Sul resto del territorio metropolitano gli stranieri sono 86.259 (3mila in meno rispetto all’anno precedente) e i Comuni con una maggior concentrazione di stranieri si riconfermano essere Pragelato, Chiesanuova, Colleretto Castelnuovo e Mercenasco.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.