Susa: quando la Società Filarmonica della città suonava l’inno di GIANCARLO SIBILLE

SUSA – Estratto dal volume del Buffa “Storia di Susa” edito nel 1904 Capitolo XXXVI. “Le società musicali nella città di Susa cominciarono a formarsi sul principio del secolo scorso. Eranvi forse anteriormente privati cultori dell’arte musicale, ma non consta dalle cronache, né dalla tradizione che prima del secolo decimonono abbiano qui esistito società musicali. Ancora sul principio del secolo scorso in circostanze di feste si ricorreva a musici di altri luoghi. Nei primordi, il vivo desiderio dei giovani di costituirsi in società musicale, spinse il municipio a nominare il maestro direttore con limitato assegno che non raggiungeva trecento lire annue.

Gradatamente aumentando il numero dei filarmonici veniva aumentato lo stipendio al maestro che negli ultimi tempi venne portato a lire 1200 annue. Ricordo nella serie dei maestri direttori, i signori Scheidel e Langmann, oriundi Tedeschi, Caffarena, Gibelli, Olivero, Chiarmetta, Bottesini, D’Aloe, Ciardonej, Simonetti, Boghen e Palazzi. Destavano viva emulazione fra le società musicali le tradizionali feste di Santa Cecilia, patrona dei musici, che ogni anno quasi si solevano fare saltuariamente nei vari paesi della provincia“.

A SUSA

A Susa la festa di Santa Cecilia venne celebrata il 14 agosto 1842 coll’intervento di numerose società musicali. Di quella festa conservo una poesia di ignoto autore, stampata a Torino alla tipografia Fontana alla quale fa seguito questo umoristico brindisi che si disse pronunciato dal brioso poeta estemporaneo e arguto epigrammista cav. Baratta, celebre ai suoi tempi. Se de jure, in lieti brindisi / hanno termine i festini, / un bicchier da noi tranguggisi / in onor del gran Rossini. / Ma a chi fè la Semirade / e il Barbiere di Siviglia / un bicchiere è plauso piccolo: / ce ne vuole una bottiglia! Ai tempi della Guardia nazionale la banda cittadina era ad essa ascritta come corpo di musica della cittadina milizia della quale i musicanti vestivano la divisa. Il capo musica aveva il grado di sotto ufficiale, il sotto capo quello di caporale.

LA BANDIERA

La musica cittadina ha due bandiere, la vecchia è in seta rossa e bianca ed ha da una parte lo stemma della città colla dicitura Segusiae civitatis e sotto lo stemma il motto: In flammis probatus amor. Dall’altro lato porta la dicitura – Società filarmonica di Susa 1834. Questa bandiera fu sempre portata dalla musica di Susa nelle occasioni di feste e funzioni a cui prendeva parte e ricordo che nel 1848 alla festa delle bandiere a Torino la musica di Susa fu tra quelle prescelte ad accompagnare l’allegorico Carroccio, in quale circostanza riscosse grande plauso. La nuova bandiera fu donata nel 1889 alla Società filarmonica dal concittadino sig. Domenico Gamba, allora assessore comunale, ha i colori nazionali, e da una parte in rilievo in oro la lira musicale, e dall’altra la dicitura – Società filarmonica di Susa 1889.

LA BANDA

In complesso però la Banda cittadina di Susa tenne sempre alto l’onore delle sue bandiere, come ne fanno prova gli ottenuti successi, e se si considera che i cittadini che ne fanno parte; senza qualsiasi retribuzione, si prestano sempre volenterosi per il servizio pubblico, concorrendo essi pure al decoro della città, hanno pur diritto alla riconoscenza dei loro concittadini. Fu il maestro Gibelli che mise in musica l’inno dei Susini scritto da Norberto Rosa per la festa anniversaria dello Statuto nel 1856. Quell’inno divenne da quell’epoca in poi il tradizionale inno del popolo di Susa che sempre viene suonato nelle feste cittadine.

IL ROSA

Stimo sia opportuno qui riprodurre la poesia di Norberto Rosa. Del paese ove il dolce Si suona / Destinati a difender le chiavi, / Vinceremo le prove degli avi, / Albergando virtude nel sen: / Somiglianti alla quercia regale, / Cui nel limo vien meno il vigore, / Ma dei venti resiste al furore / Educata in più saldo terren. / Siam susini e su quest’Alpi / Se il nemico apparirà, / La memoria dell’Assietta / Vigor nuovo ci darà.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Di Giancarlo Sibille. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Meyer Susa