Susa: il Borgo dei Cappuccini la cena degli arrosticini in attesa del Palio

SUSA – Il Borgo dei Cappuccini di Susa di star fermo proprio non è capace. Nel loro DNA da sempre, dal primo Palio ad oggi. I nocciola di Marianna Arcieri, con il suo bodyguard Sergio Scalzotto, hanno organizzato una serata di beneficenza per raccogliere fondi per Telethon. L’appuntamento organizzato dal Borgo dei Cappuccini è per venerdì 15 settembre alle ore 19, nel Salone Pro Susa al Rosaz per raccogliere offerte che andranno interamente devolute alla ricerca. “La notte degli arrosticini” è il titolo della serata, un passaggio culinario verso l’Abruzzo con una cena a base di carne di pecora, patate e percè no una buona birra. Nella serata ci sarà il concerto della band hip-hop Dance Floor.

LA MANIFESTAZIONE

Il Torneo Storico dei Borghi di Susa si è svolto per la prima volta nel 1987 su iniziativa della Pro Susa. I Palio prende spunto da spettacoli organizzati intorno all’anno 1050 in onore del Conte Oddone di Savoia e di Adelaide. Le gare si svolgevano soprattutto nel periodo primaverile ed erano le manifestazioni più apprezzate dai signori e dal popolo del Medioevo. In realtà erano vere e proprie battaglie che spesso, con grande incitazione del pubblico, finivano in violenti spargimenti di sangue. Questo comportò un intervento della Chiesa che “declassò” la manifestazione alla semplice forma del gioco. Oggi il Torneo si tiene la penultima domenica di luglio, lo spettacolo si svolge nella sera del sabato e nel pomeriggio della domenica, i giochi iniziano dopo che i Capi Borgo dei sei borghi cittadini, hanno prestato giuramento ad Adelaide.

LE GARE

Le specialità di gara sono il tiro con l’arco, la giostra del saraceno e il tiro alla fune, coprono un tempo di circa tre ore alla fine delle quali il vincitore otterrà in premio il Palio benedetto nella Cattedrale di Susa. Ogni gara della manifestazione prevede un rigoroso regolamento da rispettare a partire dalla presentazione dei nominativi dei partecipanti da parte di ogni Capo Borgo. Ogni cittadino che intende prendere parte al Torneo deve aver compiuto 18 anni. Nell’ordine gareggiano un arciere per il tiro con l’arco, un cavaliere per la giostra del Saracino e otto atleti per il tiro alla fune.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Giaveno. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.