Crea sito

A Bussoleno gli Scout della Valsusa rimettono al mondo il sentiero a San Lorenzo Dal Comune: "Grazie ancora a tutti gli Scout e ai volontari e buona gita"

scout valsusa

BUSSOLENO – Anche Bussoleno ha ospitato la laboriosità della Route di zona degli Scout della Valsusa. I ragazzi hanno svolto un lavoro di pulizia di un sentiero ormai chiuso dai rami e dal tempo. Si tratta della frazione San Lorenzo che porta su alla borgata Argiassera. Dicono dal Comune: “Un grazie alla locale squadra AIB e a Mario Antonucci per il supporto tecnico e la successiva posa della cartellonistica. Ecco alcune indicazioni utili per raggiungere questo rinato percorso. Dalla stazione ferroviaria percorrete corso Bruno Peirolo verso Torino, da qui percorrete via San Lorenzo tutta fino a superare la chiesetta in punta alla via stessa. Proseguite in salita verso borgata Argiassera. Al secondo tornate troverete imbocco del sentiero ripulito. Da qui potrete raggiungere la borgata Argiassera in sicurezza e da qui proseguire poi a piacimento verso Campobenello o Pietrabianca. Grazie ancora a tutti gli Scout e ai volontari e buona gita“.

bussoleno argiassera

GLI SCOUT DELLA VALSUSA

Gli scout della Valsusa fanno belle, e pulite, le città. “Lasciate il mondo migliore di come l’avete trovato” è uno dei capisaldi dello scoutismo. Uno dei segni educativi lasciati da Robert Baden-Powel, il fondatore. E così i ragazzi dell’Agesci che sta per Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani durante la route estiva s’è messa all’opera. Gli scout si dividono nei Lupetti, quelli piccoli che seguono le orme di Mowgli, Baloo e gli atri personaggi del “Libro della Giungla” di Kipling. Poi ci sono gli esploratori, che vanno in tenda, preparano il fuoco e vivono d’estate per 15 giorni senza telefonino. I più grandi sono nel Clan.

L’ultimo passo educativo e di formazione, poi si passa al mondo normale, quello senza fazzolettone, o si diventa capi. E il il giro ricomincia: è così dal 1907. Quest’anno i grandicelli si ritroveranno tutti sopra Oulx. Prima  dell’incontro divisi in gruppi hanno offerto il loro tempo, le loro capacità e il loro “olio di gomito” a diverse comunità in Valsusa.