Perché i calciatori della Nazionale italiana indossano la maglia azzurra? Al via gli Europei Questo colore, detto “azzurro Savoia” è stato utilizzato per la prima volta dal Conte Verde nel XIV secolo

nazionale calcio italia

Perché i giocatori della Nazionale di calcio italiana indossano la maglia azzurra? Venerdì 11 giugno inizieranno gli Europei di Calcio 2020 e la nostra Nazionale aprirà ufficialmente la competizione scendendo in campo contro la Turchia allo Stadio Olimpico di Roma. Ma perché i nostri calciatori, così come gli atleti delle altre Nazionali sportive italiane indossano la maglia azzurra? La risposta è semplice: l’azzurro è il colore dei Savoia, la dinastia che ha unito il nostro Paese.

nazionale calcio italia

LE ORIGINI DI QUESTO COLORE

L’ “azzurro Savoia” è una gradazione di blu compresa tra il “pavone” ed il “pervinca”. È stato utilizzato per la prima volta da Amedeo VI di Savoia detto il “Conte Verde” per il colore con il quale amava abbigliarsi. Egli il 20 giugno 1366 doveva partire per la crociata contro i turchi voluta da Papa Urbano V per prestare aiuto all’imperatore bizantino Giovanni V Paleologo. Il sovrano bizantino era cugino di Amedeo VI, in quanto figlio di Anna di Savoia, sua zia paterna. La flotta del conte era composta da 17 navi e 2000 uomini ed era guidata dalla sua galea veneziana. Sull’imbarcazione Amedeo volle che accanto allo stendardo famigliare, rosso-crociato in argento, sventolasse una bandiera azzurra. Su di essa era raffigurata l’effige di Nostra Signora in campo seminato di stelle oro. Da questo atto di fede, il colore azzurro divenne la tinta ufficiale della Dinastia Sabauda.

IL CONTE VERDE DIEDE ORIGINE A MOLTI EMBLEMI SABAUDI

Oltre all’ “azzurro Savoia” il “Conte Verde” diede origine a molti emblemi della dinastia. Nel settembre 1350 al Castello di Rivoli, in occasione delle nozze tra sua sorella Bianca e Galeazzo Visconti, creò l’Ordine del Cigno Nero. Esso era l’antenato dell’Ordine del Collare, fondato nel 1362 da Amedeo VI per riunire i cavalieri più valorosi nella difesa della fede e della giustizia. L’obiettivo era quello di tenere uniti i nobiluomini, facendo in modo che ponessero le loro armi a servizio del sovrano. L’onorificenza nel 1518 divenne l’Ordine della Santissima Annunziata ed è ancora oggi la massima decorazione di Casa Savoia, paragonabile per importanza all’Ordine della Giarrettiera. I suoi nastri sono di colore azzurro. Al “Conte Verde” Casa Savoia deve anche il motto FERT ed il “nodo d’amore”.

nazionale calcio italia

LA DIFFUSIONE DELL’AZZURRO SAVOIA

Questo colore nel 1572, per volere del Duca Emanuele Filiberto, divenne la tinta ufficiale delle sciarpe usate dagli ufficiali. Nel 1785 Re Vittorio Amedeo III scelse la tinta per il vessillo militare navale del Regno di Sardegna. Esso era composto da uno stendardo azzurro con la croce bianca su sfondo rosso nel quartier franco. Nel 1793 lo stesso sovrano istituì le Medaglie al Valor Militare, che avevano il nastrino azzurro, mentre nel 1848 Re Carlo Alberto adottò per la prima volta il Tricolore italiano, con al centro lo scudo sabaudo bordato di azzurro. Lo stesso anno il colore venne scelto come bordo dello Stendardo Reale, mentre dal 1880 diventò la sua tinta di sfondo. Il 6 gennaio 1911, in occasione della partita contro l’Ungheria, i giocatori indossarono per la prima volta la maglia azzurra.

L’AZZURRO SAVOIA NELLA REPUBBLICA ITALIANA

Con l’avvento della repubblica questo colore continuò ad essere utilizzato. Una bordatura di colore “azzurro Savoia” è stata inserita sull’orlo dello Stendardo presidenziale italiano. L’azzurro riempie totalmente lo sfondo delle bandiere distintive del Presidente del Consiglio, del Ministro della Difesa e del Capo di Stato maggiore generale. Anche il drapò della Regione Piemonte è bordato d’azzurro e con un lambello di questo colore nel centro. Esso ha le sembianze dell’antico stemma che nel 1424 Amedeo VIII, primo Duca di Savoia, stabilì per il Principe di Piemonte, titolo che spetta ancora oggi all’erede del casato. La sciarpa azzurra è tutt’oggi indossata dagli ufficiali delle forze armate sia in servizio che per cerimoniale o per picchetto. Essi la portano ad armacollo, dalla spalla destra al fianco sinistro. I Corazzieri la cingono invece in vita. La sciarpa è utilizzata anche dai sindaci delle città metropolitane e dai governatori provinciali durante le cerimonie ufficiali ed è presente nelle livree delle Frecce Tricolori. Tutti gli atleti che rappresentano l’Italia a livello internazionale in qualsiasi disciplina, indossano la maglia di questo colore e per questo vengono chiamati gli “azzurri”. La tinta è codificata internazionalmente come HEX #4B61D1.

nazionale calcio italia

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda News.