Lega di Avigliana ed Almese condannano i disordini in Valsusa: “I sindaci si dimenticano di aver giurano fedeltà alla Repubblica e alle sue leggi” "Lo Stato si rispetta sempre, non solo quando dispone atti che si condividono"

ALMESE – Le sezioni della Lega di Avigliana ed Almese in un comunicato congiunto condannano i disordini in Valsusa in quel di san Didero al cantiere dell’autoporto. “Protesta oppure atti violenti a cui lo stato deve porre un freno? Siamo alle solite. Basta l’inizio lavori per un’opera ampiamente conosciuta da anni, il nuovo autoporto a San Didero, situato in una zona dove in passato era già stato addirittura costruita una struttura simile, ormai in rovina, per scatenare quella che non è una protesta ma un’aggressione a chi deve eseguire l’opera”.

PROTESTE LEGITTIME SE NELLE REGOLE

Concludono i leghisti. “Le proteste sono sempre legittime, se rimangono inserite nel generale rispetto delle regole, le aggressioni e le attività delinquenziali poste in essere da gruppi che poco hanno a che fare con la protesta contro il TAV vanno sempre condannate. E la condanna dovrebbe venire anche dai pochi Sindaci della bassa valle che ancora si arroccato su posizioni ormai anacronistiche, invece di dare un sostegno o una giustificazione a queste deprecabile azioni. I Sindaci, tutti, al loro insediamento giurano fedeltà alla repubblica e alle sue leggi; come possono, alcuni di loro, spalleggiare chi attacca le forze dell’ordine, chiamate a far rispettare le leggi e le norme che hanno giurato di rispettare? Lo Stato si rispetta sempre, non solo quando dispone atti che si condividono“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Giaveno. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.