Protezione Civile della Val Sangone: a Giaveno CAI, ANA e Vigili del Fuoco a lavoro sul sentiero Monti al Mador Tra impegno e formazione con strumenti e organizzazione

Golia banner

GIAVENO – Si è svolta una esercitazione pratica dei gruppi CAI, ANA e Vigili del Fuoco volontari di Giaveno appartenenti al Forum di Protezione Civile della Val Sangone. Si è trattato del taglio piante al sentiero Monti nei pressi della Borgata Mador. Una prova sul campo che ha visto i volontari impegnati in una dura giornata di pulizia boschiva in montagna. Il “Coordinamento Volontari Val Sangone” nasce nel 2003 per riunire i Corpi e le Associazioni di Volontariato della Val Sangone affinché operino con le Istituzioni in caso di calamità. Lo scopo del Coordinamento intercomunale è integrare e mettere in comune l’esperienza e le forze di ogni gruppo operante sul territorio della nostra Valle. L’attività è prettamente di Protezione Civile e si riunisce per organizzare e svolgere in modo efficiente ed unitario gli interventi, durante le emergenze. Organizzare incontri con esperti, su tematiche di interesse comune ed utili nelle varie tipologie di emergenze.

L’ORGANIZZAZIONE A LIVELLO REGIONALE

Con la legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001 la Protezione Civile è divenuta materia di legislazione concorrente. Per cui, salvo che per la determinazione dei principi fondamentali, il potere legislativo spetta ai Governi regionali. Ogni Regione si è così organizzata con un proprio sistema. È compito delle componenti, ai vari livelli, approfondire la conoscenza dei rischi e individuare gli interventi utili a ridurre la probabilità che si verifichino eventi disastrosi o a limitare il possibile danno. Tra queste azioni è fondamentale l’informazione alla popolazione e l’indicazione dei comportamenti da adottare in relazione ai rischi di un determinato territorio.

LE STRUTTURE OPERATIVE

In Italia la Protezione Civile è organizzata in “Servizio Nazionale”, un sistema complesso che comprende tutte le forze messe in campo dallo Stato. L’articolo 13 del Decreto Legislativo n.1 del 2 gennaio 2018 individua come strutture operative del Servizio Nazionale: il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, quale componente fondamentale della protezione civile. Le Forze Armate, le Forze di Polizia. Gli enti e istituti di ricerca di rilievo nazionale con finalità di protezione civile, anche organizzati come centri di competenza. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e il Consiglio nazionale delle ricerche. Le strutture del Servizio sanitario nazionale. Il volontariato iscritto nell’elenco nazionale del volontariato di Protezione Civile. L’Associazione della Croce Rossa Italiana e il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. Il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente. Infine le strutture preposte alla gestione dei servizi meteorologici a livello nazionale.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Giaveno. Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.

city car banner