La Torre e il Ricetto di San Mauro sono diventati di proprietà del Comune di Almese

ricetto san mauro

ALMESE – La Torre e il Ricetto di San Mauro sono diventati di proprietà del Comune di Almese.

LA TORRE E IL RICETTO DI SAN MAURO AL COMUNE

Un’acquisizione che per l’ente comunale resterà nella storia, quella che ha visto co-protagonisti il Comune di Almese, con la sua Sindaca Ombretta Bertolo, e Domenica Bussetti, proprietaria della Torre e del Ricetto di San Mauro, un monumento di grande valore storico ed artistico che è un vero e proprio simbolo per Almese. Mercoledì 22 novembre la Signora Bussetti e la Sindaca Bertolo hanno firmato l’atto di donazione con cui il Comune di Almese ha acquisito a titolo gratuito la Torre medievale di San Mauro, fino a questo momento in concessione d’uso gratuito al Comune. La Sindaca Ombretta Bertolo ha sottolineato che “con questa firma la Torre medievale di San Mauro diventa un bene pubblico e un patrimonio di tutti i cittadini almesini: è un fatto importante, che va ad arricchire il già vasto patrimonio storico, artistico e architettonico del nostro territorio. Da questo momento sarà cura dell’amministrazione comunale richiedere i fondi alla soprintendenza e trovare i contributi per procedere con la ristrutturazione di questo luogo così importante, innanzitutto per metterlo in sicurezza, ma anche per valorizzarlo al massimo e dargli ulteriori destinazioni d’uso a favore dei nostri cittadini e dei turisti che verranno a visitarlo“.

PER LA CULTURA

I progetti di valorizzazione del Ricetto rientrano in una più ampia progettualità di territorio che coinvolge l’Unione Montana e tutti gli altri enti sovracomunali, compresa la Regione Piemonte, che vedono un fil rouge nella Via Francigena della Valle di Susa e del Piemonte, un cammino di collegamento e di pellegrinaggio: famoso e strategico sin dai tempi dei Romani, come dimostrano i resti della Villa Romana di Almese, di Caselette e la “Statio ad Fines” di Avigliana, questo cammino percorre la Valle all’ombra dell’imponenza della Sacra di San Michele, bene candidato a diventare patrimonio UNESCO. Si sta per completare il passaggio di proprietà anche di un piccolo terreno sotto le mura di contenimento del passo carraio che conduce alla Torre, grazie alla famiglia Morando che è intenzionata alla donazione. Lì si trovano ancora le vestigia dell’antico fossato che circondava il Ricetto per difendere persone e derrate alimentari da nemici e razziatori: per questo, dove si accede al borgo, anticamente c’era il ponte levatoio. Tutto ciò valorizzerà in maniera straordinaria tutto il bene e il borgo medievale.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.