Crea sito

A Rivoli la 652^ edizione della Fiera di Santa Caterina Si terrà domenica 27 e lunedì 28 novembre

Rivoli Fiera Santa Caterina

RIVOLI- Più di sei secoli per la fiera di Santa Caterina a Rivoli. Anche quest’anno ritorna l’appuntamento rivolese più importante dell’autunno della tradizione e dello scambio commerciale con la 652° fiera che quest’anno si terrà domenica 27 e lunedì 28 novembre. Come da tradizione, la fiera si svolge il quarto lunedì del mese di novembre, in occasione della ricorrenza liturgica che cade al 25 e che un tempo segnava la conclusione della stagione agricola. Fin dal lontano Medioevo si abbinava la fiera del bestiame con i prodotti della terra. Oggi, a fianco della tradizione, partecipano anche gli operatori di commercio su area pubblica, gli artigiani, gli espositori di veicoli e i produttori agricoli con i loro prodotti tipici, commercianti che giungono da tutta Italia. Inoltre, vi partecipano innumerevoli associazioni e gruppi di volontariato per sensibilizzare i cittadini su temi di solidarietà.

LA FIERA

Saranno circa mille i banchi che verranno allestiti da corso Susa a corso Francia, da via Colli fino a strada Nuova Tetti. Come ormai da oltre mezzo millennio si potranno trovare operatori di commercio, artigiani, espositori di veicoli, produttori agricoli, associazioni, ma anche di bestiame. Per i partecipanti, però, non sarà sufficiente osservare, perchè sarà possibile anche degustare piatti e prodotti tipici. Per i più piccoli, invece, ci sarà la possibilità di divertirsi presso il luna park allestito in via Nuova Tetti. La fiera, però, verrà anticipata dalla consueta Sagra di domenica 26.

LA STORIA

Più di sei secoli per la fiera di Santa Caterina a Rivoli. Rivoli, in arrivo la 652° edizione della Fiera di Santa Caterina. A firmare il primo documento ufficiale inerente la Fiera di Santa Caterina fu il Conte Amedeo VI di Savoia, ovvero il Conte Verde. In quel periodo, nel Medioevo, l’occasione serviva per festeggiare non solo Santa Caterina d’Alessandria d’Egitto, ma anche la fine del raccolto. Un appuntamento che univa la comunità che si incontrava con amici e parenti in un evento sociale che conteneva, al suo tempo, delle connotazioni religiose.