Il Commercialista informa: il Modello 730 è obbligatorio per i percettori di redditi di lavoro dipendente

Golia banner

GIAVENO – SANT’ANTONINO – Il Commercialista informa. il Modello 730 è obbligatorio per i percettori di redditi di lavoro dipendenteIl Modello 730 è obbligatorio per i percettori di redditi di lavoro dipendente e cassa integrazione. L’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi anno d’imposta 2020, riguarda tutti i soggetti percettori di redditi di lavoro dipendente e indennità a titolo di cassa integrazione con pagamento da parte dell’INPS.

IL LAVORATORE

In questa fattispecie, il lavoratore percepirà una doppia certificazione unica:

1) Un primo modello CU relativo ai redditi da lavoro dipendente erogati da parte del datore di
lavoro;
2) Un secondo modello CU dell’INPS da scaricare on line sul portale INPS necessario per
certificare i redditi percepiti a titolo di cassa integrazione.

Per scaricare il modello CU dell’INPS, bisogna essere in possesso dello SPID. Entrambe le certificazioni uniche ricevute saranno necessarie per dal luogo alla redazione del modello 730/2021 redditi 2020 o modello unico 2021 redditi 2020. Le conseguenze per il lavoratore dipendente percettore di due certificazioni uniche, è di trovarsi a conguagliare i redditi percepiti che possono generare un debito d’imposta a un credito da percepire. Ciascun sostituto d’imposta, applicherà le aliquote Irpef sulle somme erogate, ed in sede di presentazione del modello 730 o modello unico, verrà determinato il corretto importo delle imposte dovute, in base al totale delle somme percepite su entrambe le CU, che può generare un conguaglio a debito o a credito.

IL DECRETO

Il Decreto Rilancio (art.128) ha introdotto un meccanismo di salvaguardia in relazione al bonus Irpef erogato al lavoratori dipendenti che hanno beneficiato della cassa integrazione Covid. Detti soggetti, anche se incapienti per effetto del minor reddito percepito aa causa dell’emergenza sanitaria, conservano il diritto a beneficiare del bonus Renzi di €uro 80,00 e del bonus di euro 100 introdotto dal 1 luglio 2020. Da non confondere: Il meccanismo di salvaguardia, riguarda il bonus Irpef erogato in busta paga, in caso di soggetti incapienti. Non cambiano le regole per la determinazione del conguaglio d’imposta dovuta in sede di presentazione del modello 730 o modello unico. per informazioni www.studiogolia.it

Golia banner