Caselette per il 25 Aprile ha risposto “presente”

CASELETTE – Tante persone a caselette per una grande celebrazione, quella del 25 Aprile. Anche nel 73° anno dalla Liberazione il paese ha risposto “presente” per ricordare il grande contributo che anche Caselette ha pagato in termini di vite umane per la libertà. Che poi era il messaggio che i ragazzi dell’Istituto Comprensivo hanno voluto sottolineare in maniera particolare nel loro intervento durante le celebrazioni. Dopo la messa in suffragio di tutti i Caduti presso la Cappella San Giovanni, è partito il corteo che ha attraversato il paese guidato dal Corpo Musicale di Caselette. Prima verso il cimitero per le celebrazioni religiose e un breve momento di raccoglimento davanti alla stele cimiteriale.

LA FESTA

Poi al monumento dei Caduti a Caselette l’inno nazionale con la posa della corona per il 25 Aprile. Con il presidente dell’Anpi Luciano Rosso, che prima del suo intervento ha letto i nomi di tutti i Caduti. Poi è toccato agli studenti dell’Istituto Comprensivo. Insieme al Consiglio Comunale dei Ragazzi che hanno posto l’accento sul concetto di libertà, concentrate in una delle frasi lette, come quella di Piero Calamandrei: “Era giunta l’ora di resistere, era giunta l’ora di essere uomini: di morire da uomini per vivere da uomini”. Infine è stato il sindaco Pacifico Banchieri a chiudere il 25 Aprile, ringraziando tutte i cittadini presenti, i Rappresentanti d’Arma, tra i quali il Primo Luogotenente dell’Aeronautica Militare Claudio Chiaretta.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!