Buttigliera Alta: la quinta DeCO è per il canestrello della tradizione del paese Il biscotto della tradizione paesana

BUTTIGLIERA ALTA – Buttigliera Alta: la quinta DeCO è per il canestrello della tradizione del paese.

AL CANESTRELLO TIPICO DI BUTTIGLIERA ALTA LA QUINTA DE.C.O.

Nell’ambito delle politiche di promozione delle produzioni tipiche locali, l’Amministrazione Comunale di Buttigliera Alta ha assegnato la certificazione di Denominazione Comunale di Origine alla Pro Loco di Buttigliera Alta per il canestrello. Il biscotto della tradizione paesana acquisisce così la quinta DeCO, insieme al “Pane del re” di “Pane madre”, alla “Crema della contessa” della pasticceria “Andreis”, alla caciotta “Dolce fiore” di “Cascina Ranverso” e al “Dolce della Torre” della pasticceria “Gusella”. La ricetta del canestrello buttiglierese si distingue da quelle degli altri prodotti dolciari da forno diffusi in tutta la zona della bassa Val di Susa, oltre che del Canavese e del Biellese, per il suo spessore: sottilissimo, fragile con forme irregolari, dovute alla sua preparazione, tanto da essere stato storicamente utilizzato, in particolari momenti, come sostituito dell’ostia nella messa e per questo chiamato anche “nebule”.

LA CERTIFICAZIONE PREMIA LA PRODUZIONE DELLA PRO LOCO

Un prodotto tipico, che la Pro Loco promuove regolarmente nelle sue manifestazioni e nelle sue trasferte in altri contesti fieristici, realizzandolo in autoproduzione. Il nome “canestrello” deriva dai tipici recipienti di vimini intrecciati, detti appunto “canestri”, nei quali vengono riposti i dolci dopo la cottura. L’origine dei canestrelli risale, probabilmente, al tardo medioevo, anche se le prime tracce scritte che ne attestano la presenza si ritrovano solo dal XVIII secolo. Gli ingredienti principali della ricetta sono: farina, burro, uova, zucchero e scorza di limone. Altre varietà si ottengono utilizzando farine diverse (mais, grano saraceno, canapa) e ulteriori variazioni rispetto alla ricetta tradizionale si hanno con l’aggiunta di: nocciole, lavanda, zenzero, cannella, cacao. Ultimo nato, dal forno della Pro Loco, dopo aver effettuato specifiche ricerche, è il canestrello “ricetta antica”, che differisce dal tradizionale per la presenza, nell’impasto, di vino, noce moscata e due qualità di cacao.

IL CANESTRELLO

Molte le tradizioni paesane legate al canestrello, soprattutto alle sue modalità di preparazione: cotto in una particolare piastra a pinza, che può contenere fino a quattro palline d’impasto e le cui pareti interne sono decorate con motivi e inziali diverse per ogni famiglia, che, così, ha una sorta di produzione personalizzata del biscotto. La tradizione vuole, poi, che il tempo di cottura perfetto sia quello di una Ave Maria, recitata con devozione. Il Canestrello di Buttigliera Alta è un dolce che si può gustare in ogni momento della giornata. In passato veniva utilizzato per allietare le occasioni importanti: i matrimoni, il carnevale, la festa patronale.

L’AGENDA, TUTTE LE NOTIZIE! COME?

Visita il sito internet. Iscriviti alla pagina Facebook, clicca “Mi Piace” e non perderti più nemmeno una notizia! Segui L’Agenda su InstagramTwitter e YouTube.