Crea sito

Bussoleno: inizia la discussione se e come accettare le compensazioni alla TAV L'amministrazione si è confrontata con i cittadini

Bussoleno, Bruna ConsoliniBussoleno, Bruna Consolini

BUSSOLENO – Si è svolta in Sala Consigliare a Bussoleno una serata voluta dall’amministrazione per spiegare gli ultimi avvenimenti che l’hanno vista protagonista sul tema delle compensazioni alla TAV. Il sindaco Bruna Consolini ha spiegato di aver partecipato, di concerto con la sua giunta, ad un incontro presso la Regione Piemonte. I funzionari dell’ente hanno spiegato che la Regione è la mandataria dell’erogazione di fondi statali legati ai lavori di costruzione della TAV Torino-Lione. La Regione ha già dato 10 milioni di euro a Susa e Chiomonte. Lavori che sono già cantieri e tra poco opere, come ad esempio il rifacimento del Teatro a Susa, la bonifica dell’area ex polveriera piuttosto che la rete del riscaldamento a Chiomonte.

IN IMPEGNO DEL CIPE PER 99 MILIONI DI EURO

Ora sono a disposizione 32 milioni di euro che verranno utilizzati in diversi comuni sotto l’etichetta di progetto Smart Susa Valley. Per quanto riguarda Bussoleno sono stati comunicati interventi di messa in sicurezza del territorio in tre schede. Sul Rio Rocciamelone, sul Rio Moletta e un terzo sul versante montano. Opere per 51 milioni di euro. In futuro, così hanno detto i tecnici regionali, ci sarà una terza trance di fondi per altri 57 milioni di euro da utilizzare in tutto il territorio interessato dal passaggio della TAV Torino-Lione.

Bussoleno

L’AMMINISTRAZIONE

Bruna Consolini ha spiegato che non si è trattato di uno spazio di discussione o nel qual quale si potesse portare altre o diverse esigenze del territorio, ma una comunicazione di quanto già deciso. “Ci siamo voluti confrontare perchè è utile che tutti sappiano. Certamente queste tre opere sono importanti per Bussoleno e toccano anche il mandato di un sindaco che è il capo della Protezione Civile. Non si può negare che simili somme sono oltre la prospettiva del bilancio comunale e sarebbero utili per il presente e il futuro del territorio bussolenese. Sono problemi, quelli risolti con questi interventi, che comunque andrebbero realizzati“. L’assessore Francesco Richetto ha spiegato come si è arrivati a definire gli interventi. “La Regione ha preso di sua volontà interventi richiesti e necessari che sono inseriti nella piattaforma nazionale degli interventi. Questi sono lavori che dovrebbero essere nella normalità dei finanziamenti dati ai comuni e non soldi erogati per la costruzione e il passaggio della TAV“. Richetto ha poi detto che anche le cifre sono davvero esigue e che tutta la discussione sulle compensazioni TAV come a Bussoleno andrebbe affrontata con l’insieme dei comuni.

Erwin Durbiano

Erwin Durbiano

DAL PUBBLICO

Diversi interventi dal pubblico hanno spostato la discussione dall’aspetto tecnico a quello politico. Si è fatto notare che lo Stato non può trattare il Comune come ostaggio, dando soldi necessari al territorio come compensazioni alla TAV. Altri hanno chiesto all’amministrazione di non partecipare più agli incontri in Regione e non accettare i soldi. Mario Cavargna ha fatto notare che esiste una legge regionale e come già accaduto durante la costruzione dell’Autostrada Torino-Bardonecchia, tutto potrebbe essere cambiato e questi fondi non essere mai dati ai comuni. Una cittadina ha fatto notare che il sistema che si sta adottando mette fortemente in imbarazzo i sindaci. “Si concedono soldi per interventi necessari e utili e i sindaci si trovano nella situazione di non poterci rinunciare; è un ricatto“.

AMMINISTRATORI DEL TERRITORIO

In sala, tra il pubblico, anche il sindaco di Mattie Marina Pittau, quello di San Didero Sergio Lampo e altri. Caterina Agus, consigliere comunale d’opposizione a Bussoleno, ha chiesto che il tema venga discusso in Consiglio Comunale. Giuliana Giai, in consiglio a Chianocco e in Unione Montana Valsusa ha detto che il tema delle compensazioni alla TAV andrebbe affrontato anche nell’ente sovracomunale. Dall’Unione Erwin Durbiano, in amministrazione a Venaus e con Banchieri ha portato il suo contributo. “La posizione della giunta dell’Unione è nota. Abbiamo chiesto al Ministro un incontro e seguiamo con attenzione ciò che accade. Voglio far notare che se un sindaco non accettasse il contributo su queste opere potrebbe magari esserne accusato. L’Unione Montana di Bussoleno potrebbe essere il luogo d’incontro sul tema compensazioni TAV”.

Serata sulle compensazioni TAV, Bruna Consolini sindaco di Bussoleno

Serata sulle compensazioni TAV, Bruna Consolini sindaco di Bussoleno.

Gepostet von L'Agenda News am Freitag, 21. Februar 2020

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!