Avigliana: un nuovo progetto per il museo Dinamitificio Nobel Finanziato dalla Compagnia di San Paolo

Pet Store Chiusa san Michele

AVIGLIANA – Partirà ad Avigliana un nuovo progetto per il Museo della Nobel. Il progetto Inneschi è la proposta per il bando Civica 2019 di Compagnia di San Paolo. Serve per generare nuove prospettive progettuali per l’ex Dinamitificio Nobel di Avigliana. Il bando si rivolgeva a progetti interamente focalizzati sulla sperimentazione di beni, processi e servizi culturali. Questi volti per favorire l’attivazione della propensione civica degli individui. Il progetto Inneschi coniuga produzione e fruizione culturale e artistica con percorsi di educazione e formazione. Coglie l’occasione della riattivazione dell’ex Dinamitificio per generare benefici sulla collettività, in un processo di valorizzazione complessiva del territorio.

L’EX NOBEL

Nel corso del 2019, proprio intorno alla riattivazione del Museo dell’ex Dinamitificio Nobel, il Comune di Avigliana aveva promosso un percorso di ricerca e analisi a cura di Avanzi – Sostenibilità per Azioni. Quindi tale percorso aveva previsto, tra le altre cose, la realizzazione a settembre 2019 del workshop Re-scape, nuove narrazioni generative. L’obiettivo era definire uno scenario di sviluppo per l’area e per il complesso dell’ex Dinamitificio Nobel, per una sua rigenerazione in chiave di spazio ibrido a vocazione culturale, con cui cercare di rispondere ai bisogni e agli interessi locali e sovralocali dei soggetti che gravitano attorno a quest’area.

LA STORIA

Il Dinamitificio Nobel fu costruito nel 1873 in un’area boschiva sita a est della palude dei Mareschi, in una zona collinare posta ai margini del centro abitato di Avigliana. Fornito di energia elettrica e di ferrovia interna collegata con la stazione di Avigliana, era dotato di laboratorio chimico e produceva, oltre agli esplosivi, intermedi chimici, sottoprodotti delle lavorazioni principali, concimi e vernici. In particolare, in questo stabilimento, su brevetto dell’americana Dupont, prese l’avvio della produzione di vernici Duco. Durante l’ultimo conflitto mondiale lo stabilimento fu teatro di bombardamenti e azioni partigiane. La fabbrica ha chiuso negli anni Sessanta.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!