Avigliana: la Chiesa e il Priorato di San Bartolomeo al Lago Piccolo Fu di proprietà del Seminario di Giaveno

AVIGLIANA – La località San Bartolomeo di Avigliana è stata sede di un antico nucleo monastico benedettino che dipendeva dall’abbazia della Sacra di San Michele.  Il complesso pare risalire alla fine del sec. XII. Epoca in cui se ne hanno le prime notizie, e presenta ancora tracce di epoca romanica cui risale il campanile e il primitivo ingresso a nord, ora tamponato. Su di esso si sono inseriti successivamente elementi tipicamente gotici dovuti ai rimaneggiamenti intervenuti nel Duecento e Trecento, come la trasformazione del catino absidale in forme ogivali e tamponamento delle monofore. Nella seconda metà del XV secolo venne intonacata internamente e affrescata a opera di artisti influenzati dal gotico internazionale, si ipotizza la scuola dei Serra o Amedeo Albini.

GLI AFFRESCHI

Tra il XVI e il XVII secolo il complesso fu di proprietà del Seminario di Giaveno e assunse un uso agricolo. Mentre la chiesa andava in rovina. Tra XVIII e XIX secolo fu venduto a privati, perse la funzione religiosa e fu trasformato in fienile. Cadde la parte alta del campanile e l’edificio fu soppalcato. Nel XX secolo vennero compiuti i primi interventi di consolidamento e di parziale pulitura degli affreschi. Recentemente è divenuta di proprietà comunale. Il restauro architettonico e degli affreschi è terminato a settembre 2015. L’intera costruzione è estremamente semplice nelle sue linee essenziali e nei materiali costituiti essenzialmente da pietra locale e cotto. Per approfondimenti su struttura e affreschi si rimanda alla tesi di laurea sui restauri in corso, vedi sotto link internet, e al testo pdf   San Bartolomeo.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Segui e metti mi piace al canale YouTube L’Agenda.