Crea sito

Autostrada Torino-Bardonecchia, possibili rallentamenti per lavori tra Avigliana e Rivoli Dal giorno 10 settembre e presumibilmente sino al 30 ottobre

autostrada torino bardonecchia

SUSA – Si informano gli utenti dell’Autostrada Torino-Bardonecchia A32 che nella tratta da Avigliana a Rivoli per lavori ci sono previsioni di rallentamenti e code. Dal giorno 10 settembre e presumibilmente sino al 30 ottobre. S’ipotizzano rallentamenti e possibili code nella tratta. Nelle ore di maggior traffico pendolare, per effetto di lavori che comportano la posa di cantieri di restringimento della carreggiata.

LAVORI CONTRO L’ACQUAPLANING

La Sitaf sui lavori in Autostrada Torino-Bardonecchia in una nota scrive. “Nello scusarci per gli eventuali disagi, precisiamo che tali cantieri sono funzionali alle lavorazioni propedeutiche al rinnovamento della pavimentazione con asfalto drenante. Nell’intento di ridurre il fenomeno di aquaplaning. A vantaggio di una maggiore sicurezza per la circolazione della nostra utenza. Per avere informazioni in tempo reale vi invitiamo a prendere visione e a seguire le indicazioni dei Pannelli a Messaggio Variabile. Oltre alla puntuale segnaletica posta sugli svincoli di accesso e lungo l’asse autostradale“.

COS’E’ L’ACQUAPLANING?

L’aquaplaning (“slittamento sull’acqua”) è un fenomeno di galleggiamento di un veicolo in movimento su uno strato d’acqua esteso su una strada. Più precisamente si verifica quando l’acqua, tipicamente di origine piovana, è in quantità tale da non permettere una sufficiente area di contatto tra le ruote e il manto stradale, a causa di un’insufficiente profondità dei canaletti laterali del battistrada o di una loro particolare conformazione.

In questo modo si viene a creare un vero e proprio cuscino di acqua che, interponendosi tra lo pneumatico e il piano stradale, annulla l’attrito tra le due superfici con una pressione tale da sostenere il peso del mezzo di trasporto. Se ciò avviene, non si è più in grado di far rallentare o cambiare direzione al veicolo, che resta comunque soggetto alle regole della fisica, conservando la quantità di moto e la direzione che aveva al momento dell’innesco del fenomeno. L’aquaplaning può essere parziale, quando coinvolge solo alcune delle ruote di un veicolo, generando specialmente in curva problemi di sottosterzo o sovrasterzo.