Dalla Città Metropolitana di Torino un nuovo corpo di Polizia Locale Svolgerà attività di educazione, prevenzione, contrasto e repressione dei comportamenti previsti e puniti da leggi

TORINO – La Città Metropolitana di Torino istituirà un proprio Corpo di Polizia Locale. Il Regolamento che disciplinerà l’attività del nuovo organismo è stato approvato all’unanimità nella seduta odierna dal Consiglio Metropolitano, dopo un ampio confronto sia nella Commissione competente che nell’aula di piazza Castello. L’approvazione del Regolamento è l’espressione della volontà politica e istituzionale di confermare e valorizzare, potenziandola, la funzione del personale di vigilanza e controllo della Città Metropolitana di Torino nelle materie attribuitele dalla legislazione nazionale.

IL CORPO DI POLIZIA LOCALE

Il Corpo di Polizia Locale Metropolitana svolgerà attività di educazione, prevenzione, contrasto e repressione dei comportamenti previsti e puniti da leggi. Quindi regolamenti e disposizioni riguardanti la tutela e la valorizzazione dell’ambiente, attività ispettiva e di vigilanza sulla qualità dell’aria e delle acque. Anche sui rifiuti, sull’energia, le aree protette e i siti Rete Natura 2000. Poi sugli incendi boschivi, le cave e le attività estrattive, glianimali da affezione, il trasporto privato sulla viabilità metropolitana. Anche il contrasto e repressione delle violazioni relative alle discipline regolanti le funzioni delegate dalla Regione Piemonte. In materia di caccia e pesca, attività e controlli inerenti la fauna selvatica, raccolta dei funghi epigei e ipogei, raccolta dei minerali, assetto forestale. Ci sarà anche il patrimonio escursionistico e sicurezza degli sport montani, polizia idraulica, frodi in ambito vinicolo e rilascio dei certificati di iscrizione all’anagrafe vitivinicola.