Crea sito

Storia in Valsusa: i soldati del Settecento tornano al Forte di Exilles Domenica 25 agosto dalle ore 10.30 alle 17.00

forte di exilles(foto Reggimento Kalbermatten)

EXILLES – Sotto l’egida del Coordinamento Rievocazioni Storiche 1600-1700, tornano i soldati al Forte di Exilles, un’importante manifestazione della storia valsusina. La ricostruzione storica per narrare la storia del Forte. La vita di fortezza, insomma una giornata con i soldati e le vivandiere. L’intento non è solo evocare i giorni di luglio 1747, i giorni dell’Assietta, ma molto altro. Il Coordinamento rievocazioni storiche 1600-1700 è un’associazione volontaria a carattere culturale che si è costituita nel 2008 con lo scopo di promuovere, valorizzare e divulgare le rievocazioni storiche. Sia sul nostro territorio che in ambito europeo. L’esigenza di avere un ente supervisore che ottimizzasse sul territorio le associazioni storiche già presenti, per razionalizzare le capacità di esibizione e rendere più realistiche e corpose le rievocazioni storiche di eventi avvenuti tra il 1600 e il 1700. Questo ha portato cinque associazioni a coordinarsi tra loro e creare una sinergia unica nel nostro paese. Dunque in grado di gestire e partecipare ad eventi rievocativi di livello nazionale e internazionale.

forte di exilles

Oltre ai numerosi e ambiziosi obiettivi che il coordinamento si prefigge la volontà e l’intraprendenza di una crescita e di un miglioramento continuo. Quindi volto ad un incremento qualitativo sia delle manifestazioni, sia delle fedeli ricostruzioni delle vicende ed eventi storici del periodo. Per tutte queste finalità il Coordinamento si avvale di validi apporti di soci esperti e volenterosi. Tutti appartenenti a alle cinque associazioni che ne fanno parte. Le competenze, valorizzate e apprezzate all’interno del gruppo, sono anche riconosciute da associazioni di altri paesi. Inoltre, lo spirito organizzativo, cresciuto con l’apporto dei singoli gruppi, ha sviluppato nell’associazione stessa, una consapevolezza della forza messa in campo, tale da renderla competitiva nei confronti degli altri gruppi storici presenti sul panorama europeo.

Il FORTE DI EXILLES

I primi documenti in cui viene citato il Forte di Exilles, dove torneranno i soldati, risalgono al VII secolo. E’ dal 1155 circa che i padroni della fortezza sono i Bermond di Besançon, conti di Albon, che avevano bisogno di proteggere militarmente la strada del Monginevro. E’ tra il 1494 e il 1496 che il forte diventa deposito di munizioni per i francesi di Carlo VIII. Poi è nel 1541 che passa sotto il dominio francese, ma nel 1559, a seguito del trattato di Cateau-Cambrésis, torna in mano ai Savoia con Emanuele Filiberto. Nel settembre 1591 è occupato, dopo un breve assedio, dai francesi. Due anni dopo viene posto sotto assedio e riconquistato dai piemontesi. È nuovamente in mano francese nel gennaio 1595, tornerà ai Savoia solo nel 1708.