A Gravere la 31° Festa della Castagna, e il grande pranzo Sabato 19 ottobre presso il campo sportivo

castagne

GRAVERE-  Sabato 19 ottobre presso il campo sportivo di Gravere ci sarà la 31° Festa della Castagna. Organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune. Il programma prevede alle ore 10 l’apertura del mercatino; ore 12.30 Pranzo (su prenotazione) con polenta, salsiccia, toma, dessert budino, un bicchiere di vino o acqua il tutto a 15 euro. Il pomeriggio sarà allietato dalla musica del gruppo “Total Black”. Durante la giornata l’associazione culturale Val di Treu presenta “Guarda, prova, impara…”, per bambini e non solo.

castagne

LA FESTA

Alla Festa della Castagna di Gravere anche un’entusiasmante avventura nel mondo dei cibi: “dalla terra alla tavola”, con le storie di chicchi, dalla semina alla loro trasformazione, al loro destino finale. Seminare, sfogliare il granoturco e sgranarlo, setacciare, macinare per fare la farina e preparare la polenta, tostare l’orzo come un tempo, preparare i canestrelli e le “friciole”, impastare e far scendere gli spaghetti dall’apposito apparecchio: azioni in cui i bambini vengono coinvolti usando antichi strumenti.

LA CASTAGNA

La castagna è il frutto del castagno a differenza della castagna dell’ippocastano che invece è un seme. Le castagne derivano infatti dai fiori femminili (solitamente 2 o 3) racchiusi da una cupola che poi si trasforma in riccio. La castagna è un achenio, ha pericarpo liscio e coriaceo bruno scuro, all’apice è presente la cosiddetta torcia, cioè i resti degli stili, mentre alla base è presente una cicatrice più chiara denominata ilo. La forma dei frutti dipende, oltre che dalla varietà delle castagne, anche dal numero e dalla posizione che essi occupano all’interno del riccio: emisferica per i frutti laterali e schiacciata per quello centrale; i frutti vuoti, abortiti, di forma appiattita sono detti guscioni.