Crea sito

Caselette: l’annuale festa dei Carabinieri Virgo Fidelis Domenica alla Parrocchia San Giorgio di Caselette

carabinieri

CASELETTE – Domenica alla Parrocchia San Giorgio di Caselette è stata celebrata la ricorrenza della Virgo Fidelis. Patrona dell’Arma dei Carabinieri. Quindi con il sindaco Pacifico Banchieri, anche le amministrazioni di Alpignano e Valdellatorre. “Dopo esserci ritrovati in piazza Cays. – racconta il sindaco caselettese. – poi ci siamo trasferiti al monumento ai Caduti dove è stata deposta una corona. Quindi è seguita la messa celebrata dal nuovo Parroco di Caselette, don Dino Mulassano, e infine il pranzo al ristorante dei Cacciatori a Valdelllatorre”.

NON TUTTI SANNO CHE…

Sotto questo nome la Vergine Maria è divenuta Patrona dell’Arma dei Carabinieri dall’11 novembre 1949, data di promulgazione del Breve relativo di Papa Pio XII. Quindi in tal senso aveva accolto il voto unanime dei cappellani militari dell’Arma e dell’Ordinario Militare per l’Italia. Il titolo di “Virgo Fidelis” era stato sollecitato in relazione al motto araldico dell’Arma “Fedele nei secoli”. La ricorrenza della Patrona è stata fissata dallo stesso Pontefice il giorno 21 del mese di novembre. In cui cade la Presentazione di Maria Vergine. La preghiera del Carabiniere alla “Virgo Fidelis” è dell’Arcivescovo Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, che nel 1949 era Ordinario Militare.

caselette

Eccone il testo. “Dolcissima e gloriosissima Madre di Dio e nostra, noi Carabinieri d’Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero, fiduciosa la preghiera e fervido il cuore! Tu, che le nostre Legioni invocano confortatrice e protettrice col titolo di “Virgo Fidelis”, Tu accogli ogni nostro proposito di bene e fanne vigore e luce per la Patria nostra, Tu accompagna la nostra vigilanza, Tu consiglia il nostro dire, Tu anima la nostra azione, Tu sostenta il nostro sacrificio, Tu infiamma la devozione nostra! E da un capo all’altro d’Italia suscita in ognuno di noi l’entusiasmo di testimoniare, con fedeltà sino alla morte, l’amore a Dio e ai fratelli italiani. E così sia!“.