A Bussoleno e Chianocco il 25 Aprile tra monumenti, distanziamento e ricordo dei partigiani Non parteciperà la Società Filarmonica di Bussoleno

BUSSOLENO – I comuni di Bussoleno e Chianocco in collaborazione con la sezione dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia hanno organizzato il 25 Aprile, Festa della Liberazione. Domenica 25 aprile la manifestazione statica in Piazza della Stazione a Bussoleno, con altri omaggi floreali al monumento e al cippo dei Caduti partigiani. Come da tradizione seguiranno le orazioni ufficiali e la consegna delle tessere ad honorem. Poi il ritrovo statico a Foresto, già comune, e in seguito a Chianocco, in Piazza del Municipio. A Bussoleno e Chianocco non ha partecipato la Società Filarmonica di Bussoleno per le norme anti Covid ma è stato presente un musico con la tromba.

L’ESERCITO ALLEATO

La campagna d’Italia fu l’insieme delle operazioni militari condotte dagli Alleati in Italia. Dal giugno 1943 al maggio 1945. La campagna fu intrapresa prima per sconfiggere l’Italia fascista. Poi, dopo la sua resa incondizionata annunciata l’8 settembre 1943, per attirare nella penisola italiana occupata dalle Wehrmacht. La campagna, guidata da parte alleata prima dal generale Dwight Eisenhower e poi dal generale Harold Alexander, fu caratterizzata da una serie di sbarchi e da sanguinose battaglie di logoramento lungo le successive linee difensive. Le truppe alleate, costituite da contingenti provenienti da molteplici Paesi, furono ostacolate dall’aspro territorio appenninico, dalle difficoltà climatiche e dalla tenace resistenza tedesca che provocarono forti perdite e il lento avanzamento del fronte. Roma non venne liberata fino al 4 giugno 1944 mentre la Linea Gotica fu superata solo nell’aprile 1945.

GLI ITALIANI CHE LIBERARONO L’ITALIA

Nel marzo del 1944 la formazione assunse il nome di Corpo Italiano di Liberazione. Il continuo afflusso di volontari rese necessaria la formazione di ulteriori unità. Esercito Cobelligerante Italiano è una denominazione con la quale si identificano quei reparti del Regio Esercito combattenti a fianco delle forze alleate. Coincise in buona parte con la Campagna d’Italia alleata. Fu costituito in seguito alla riorganizzazione del Regio Esercito nel cosiddetto Regno del Sud, dopo l’annuncio dell’armistizio dell’8 settembre 1943 tra l’Italia e gli Alleati. Il primo nucleo fu il Primo Raggruppamento Motorizzato. Dal marzo 1944 inquadrato come Corpo Italiano di Liberazione. Alla fine del 1944, a seguito del parziale sfondamento della Linea Gotica da parte degli alleati, fu riorganizzato in 17 grandi unità. Sei Gruppi di combattimento di grandezza divisionale, otto divisioni ausiliarie e tre divisioni di sicurezza interna.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti alla nostra pagina Facebook L’Agenda News: clicca “Mi Piace” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Metti mi piace alla pagina YouTube dell’Agenda.